Bonus cashback, ecco come ottenere un rimborso doppio rispetto a qualsiasi operazione normale. C’è un ‘trucchetto’ assolutamente lecito e consentito. 

Bonus cashback, esiste un escamotage per ottenere il 20% di rimborso piuttosto che il 10. Il metodo è semplice: basta seguire la falsariga per validare gli acquisti via Amazon, ovvero acquistando un buono in un negozio così da includerlo nel conteggio. Questa proceduta, infatti, vi consentirebbe di acquistare on line ma ottenendo comunque una transazione e percentuale valida avendo acquistato prima un voucher fisico.

Bonus cashback, l’escamotage per ottenere il 20% di rimborso 

Bonus Cashback
Pixabay

Lo stesso procedimento, pertanto, si può applicare anche presso un qualsiasi supermercato acquistando una carta di debito usa e getta che parte dai 25€ e prosegue con i suoi vari multipli. Queste appartengono al circuito VISA o Mastercard, non hanno iban per ricaricarle, e vanno appunto gettate una volta esaurito il credito a disposizione.

Leggi anche: Lotteria degli scontrini, cosa accade al commerciante che non si adegua?

Lo schema a quel punto sarebbe il seguente: ne acquistate una, pagando con carta e ottenendo il 10% e una transazione, e poi utilizzate questa carta temporanea per aggiungerne un ulteriore 10%. Questa carta, infatti, può essere inserita nel portafoglio dell’applicazione Io. Basta premere su ‘aggiungi’ e proseguire con ‘metodi di pagamento’.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, bonus pericolosi: si rischia il sussidio

Fatto ciò, potrete usufruire del credito della carta momentanea e questo vi comporterebbe appunto un secondo 10%. Esempio: se acquistate una carta usa e getta da 50€, prima ricevereste 5€ di rimborso per quest’acquisto e poi altri 5 euro nel momento in cui – dopo la registrazione – svuotereste la carta usa e getta. Sia chiaro: il tutto è assolutamente lecito e consentito. Un trucchetto, sì, ma assolutamente in piena regola. Una soluzione non male anche per gareggiare per l’extrabonus da 1.500 euro.