Previsto un bonus Inps 2021 per chi soffre di asma e altre malattie croniche respiratorie. Di seguito tutti i dettagli per scoprire chi può farne richiesta e a quanto ammonta.

In base al punteggio che viene assegnato al paziente dalla Commissione legale Inps, è possibile usufruire di diverse prestazioni economiche e assistenziali. Si può ricevere, ad esempio, lo sgravio fiscale per alcune spese sanitarie particolari, una corsia preferenziale per l’inserimento professionale e l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario.

Il bonus Inps 2021 destinato a quanti soffrono di asma e altre malattie respiratorie croniche, oltre alla malattia in sé, richiede un determinato reddito. La corresponsione dell’assegno di invalidità, infatti, avviene soltanto se il richiedente si trova in una condizione di disagio economico.

La circolare n. 148/2020, trasmessa dall’Inps, riporta tutte le rivalutazioni degli importi dei trattamenti pensionistici che saranno liquidati nel corso del 2021. Per quanto concerne gli assegni spettanti ai soggetti con invalidità parziale è riportato che l’ammontare della misura è pari a 287,09 euro.

Leggi anche: Bonus diabete, chi può beneficiare degli assegni Inps

Bonus Inps 2021, possono beneficiarne i soggetti che soffrono di asma e altre malattie croniche respiratorie

Bonus Inps 2021
Pixabay

Solitamente l’assegno di invalidità non è riconosciuto per le forme più lievi di asma e di difficoltà respiratoria. Ad essere raggiunta è perlopiù una percentuale massima del 35%, stando alle tabelle stilate dall’Inps relative alle tipologie invalidanti all’asma di tipo estrinseco allergico e intrinseco. Da questo ne deriva che il diritto all’assegno di invalidità nasce in presenza di comorbilità.

Leggi anche: L’Inps lancia l’allarme: “Buco da 16 miliardi, le pensioni sono a rischio”

Questa situazione si presenta nel momento in cui due o più patologie coesistono e sono la causa di un notevole peggioramento delle condizioni di salute del paziente. Si pensi a un soggetto che soffre di asma e insieme di broncopneumopatia cronica o di tipo ostruttivo. In una circostanza di tale genere, l’Inps riconosce un punteggio di inabilità più alto che potrebbe arrivare al 45% in caso di bronchite asmatica permanente.