Bonus mamma confermato anche per il 2021: ecco cos’è e come funziona. Si tratta di un sussidio per tutte le donne che abbiano partorito, avuto in affidamento o adottato un bambino. 

Bonus mamma confermato anche per il 2021: introdotto nel 2017, consiste in un premio di 800 euro riconosciuto a qualsiasi donna che abbia partorito, preso in affidamento o adottato un bambino. E’ comunemente riconosciuto anche come bonus corredino poiché è solitamente usato spesa per i primissimi abiti del neo arrivato. Il sussidio è riconosciuto a qualsiasi residente in Italia e senza limiti di reddito: basta presentare regolarmente la domanda all’Inps per ottenere l’erogazione statale.

Potrebbe interessarti anche: Pensioni controlli: verifiche in arrivo, possibile stop dell’erogazione

Bonus mamma 2021, i requisiti necessari

assegni familiari
Foto Pixabay

La richiesta è presentabile dal settimo mese di gravidanza direttamente all’Istituto previdenziale nazionale oppure rifacendosi a un qualsiasi Caf autorizzato. E’ quindi richiedibile anche dopo che il bambino sia già entrato in casa, purché si rispetti il limite di un anno dal lieto evento. In caso vorreste procedere autonomamente, non serve nient’altro che accedere alla piattaforma on line dell’Inps e compilare il modulo on line nell’opportuna sezione.

Leggi anche: Bonus cashback, spunta la classifica per il super premio da 1.500€

La domanda si presenta solo e unicamente in maniera telematica. Questa andrà poi inoltrata affiancata da un certificato medico che attesti lo stato di gravidanza con tanto di data presunta parto. Nel caso in cui il parto sia già avvenuto, in quel caso andrà inoltrato il certificato di nascita del piccolo con tanto di codice fiscale. A quel punto, poche settimane dopo la presentata richiesta, troverete l’accredito direttamente sull’Iban rilasciato al momento della compilazione dei dati. La tempistica, fortunatamente, è piuttosto rapida e raramente ci sono ritardi enormi. Solitamente va dalle tre settimane a un mese massimo.