Per le pensioni della scuola che avranno decorrenza a partire dal 1° settembre 2021 è necessario ricordare di presentare la domanda all’Inps.

Per tutti i lavoratori del comparto scolastico che concluderanno il servizio il 31 agosto 2021 per entrare in pensione a partire dal 1° settembre, è necessario rammentare che bisogna presentare la domanda all’Inps quanto prima e obbligatoriamente entro il 28 febbraio 2021.

La corresponsione della pensione con decorrenza al 1° settembre 2021, infatti, è subordinata alla presentazione della richiesta online per il pagamento all’Inps. Non è sufficiente, quindi, la domanda di cessazione dal servizio avanzata a dicembre 2020 su Istanze Online.

Leggi anche: Pensioni, nuovo calendario per i controlli Inps: i dettagli

Pensioni scuola, la domanda all’Inps

Pensioni scuola Inps
Pixabay

Quanti, infatti, presenteranno esclusivamente la domanda di cessazione dal servizio, il termine della carriera professione in favore del pensionamento scatterà a partire dal 31 agosto 2021, ma il pagamento della pensione non inizierà dal 1° settembre.

Per accedere al versamento, infatti, è necessario presentare apposita domanda di pensione all’Inps.

Nella circolare 54/2016 è scritto che: “Per consentire di erogare la pensione alla decorrenza prestabilita, superando gli eventuali problemi di allineamento delle posizioni assicurative, la domanda dovrà essere presentata almeno 6 mesi prima della data di collocamento a riposo e consegnata in copia all’Ente datore di lavoro, il quale non dovrà più trasmettere il mod. PA04, ma intervenire per l’aggiornamento della posizione assicurativa con le modalità illustrate al successivo paragrafo 4”.

Leggi anche: Pensioni, Codacons a favore di militari e forze dell’ordine

Se la richiesta di pensionamento non è presentata entro la data del 28 febbraio 2021, si potrebbe correre il rischio di incorrere in ritardi nella liquidazione della pensione il cui primo pagamento – fermo restando il diritto agli arretrati – potrebbe non aver luogo il 1° settembre 2021. Questa situazione si potrebbe verificare nonostante si termini il servizio lavorativo il 31 agosto e pur avendo diritto alla decorrenza della pensione a partire dal 1° settembre.