Bonus elettrodomestici
Pixabay

La Legge di Bilancio ha prorogato per un altro anno il bonus elettrodomestici insieme a tutti gli altri incentivi per la casa.

Il bonus è stato prorogato per un altro anno insieme a tutte le altre misure per la casa. È quanto disposto dalla Legge di Bilancio 2021. Di seguito i dettagli per poter beneficiare della detrazione del 50% su una spesa massima di 16.000 euro e le condizioni per ottenere il diritto allo sconto Irpef 2021.

Leggi anche: Bonus elettrodomestici e mobili: confermata proroga e nuovo budget

Bonus Elettrodomestici, chi sono i beneficiari della misura

Bonus elettrodomestici
Pixabay

Gli incentivi per la casa prorogati dalla Legge di Bilancio 2021 sono i seguenti:

  • bonus elettrodomestici e mobili;
  • sisma bonus;
  • ecobonus;
  • bonus verde;
  • bonus ristrutturazioni.

Lo sconto Irpef previsto per chi beneficerà del bonus è pari al 50% delle spese dei mobili e degli elettrodomestici per un massimo di 16.000 euro ed è scaricabile dalla dichiarazione dei redditi tramite modello Unico o 730.

Il bonus è quindi prorogato fino al 31 dicembre 2021 e la soglia di spese passa da 10 mila euro a 16 mila euro. L’incentivo spetta solo ai lavori di ristrutturazione – requisito principale per poter beneficiare del bonus mobili – sono cominciati a partire dal 1° gennaio 2020 in poi. L’inizio delle attività deve essere documentato con la Cil o Cila, Dia o Scia oppure attraverso un’autocertificazione – se i lavori avvengono in edilizia libera.

Leggi anche: Bonus mobili, quali elettrodomestici rientrano nella detrazione

I contribuenti che possono accedere al bonus elettrodomestici sono tutti coloro che corrispondono l’Irpef o l’Ires, in particolare:

  • i proprietari di immobili;
  • i titolari di Nuda proprietà:
  • gli usufruttuari;
  • quanti sono in affitto;
  • chi si avvale di comodato d’uso;
  • gli imprenditori individuale, purché l’immobile non si ad uso strumentale;
  • le società semplici, in accomandita semplice e soggetti equiparati, in nome collettivo e imprese familiari, sempre a patto che l’immobile non sia ad uso strumentale;
  • i soci di cooperative.