Bonus auto
Pixabay

La rottamazione di un veicolo di classe inferiore a Euro 6 e immatricolato almeno 10 anni fa permette di beneficiare dell’importo massimo del bonus auto.

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto un bonus per l’acquisto di auto, soprattutto elettriche e ibride, ma gli incentivi sono previsti anche per chi compra veicoli a bassa emissione a benzina e diesel.

Il bonus auto può raggiungere una somma massima di 10 mila euro se all’acquisto del nuovo mezzo si accompagna la rottamazione di quello vecchio – immatricolato da almeno 10 anni e di classe inferiore a Euro 6. Senza rottamazione il contributo sarà di 6 mila euro.

Leggi anche: Bonus auto elettriche, incentivi fino al 40 per cento: come funziona

Bonus auto, chi può beneficiarne

Bonus auto
Pixabay

È previsto un contributo pari al 40% delle spese per l’acquisto, anche in leasing, di vetture nuove esclusivamente ad alimentazione elettrica, purché la loro potenza sia inferiore o uguale 150 kW.

Il mezzo dovrà essere destinato al trasporto di massimo 8 persone oltre al conducente – categoria M1 – e avere un prezzo di listino inferiore a 30mila euro, al netto dell’IVA. A poterne beneficiare sono tutti coloro che appartengono a un nucleo familiare con ISEE inferiore a 30 mila euro.

Leggi anche: Bonus auto 2021: confermati incentivi fino a 10.000 euro

Il ministero dello Sviluppo economico ha stanziato un fondo di 20 milioni di euro al fine di erogare questo bonus. Entro la fine di gennaio un decreto sancirà tempi e modalità per accedervi. Il contributo è alternativo e non cumulabile con altre misure varate dallo Stato.

L’acquirente potrà usufruire di un contributo statale di 2 mila euro se l’auto da comprare rientra nella fascia con emissioni 0-60 g/km di CO2. Se invece le emissioni fanno parte della fascia 61-135 g/km di CO2, il contributo statale si abbassa a 1.500 euro. L’incentivo è corrisposto soltanto se il venditore applicherà uno sconto sulla vettura pari almeno a 2 mila euro.