Pensioni Gennaio 2021, le date per il pagamento in banca

Pensioni Gennaio 2021, l’Inps ha pubblicato una circolare in cui ha diffuso le date per l’accredito bancario e il pagamento di altre prestazioni. 

Il nuovo anno è appena iniziato e molti contribuenti iniziano a chiedersi quando avverrà l’accredito bancario concernente le pensioni di Gennaio 2021.

Solitamente, coloro che ricevono l’importo della prestazione previdenziale attraverso questo canale, si vedono versare la somma spettante il primo giorno bancabile del mese, che solitamente coincide con giorno 4. Per questo mese viene però fatta un’eccezione, e il pagamento viene posticipato al giorno successivo. 

Pensioni Gennaio 2021, la data di pagamento

Pixabay

Questi significa che l’accredito per la pensione verrà erogato il 5 di Gennaio, come chiarito da una circolare Inps diramata il 18 Dicembre del 2020. Coloro che invece risultano titolari di una pensione presso Poste Italiane Spa, riceveranno l’importo il 4 Gennaio.

Nella circolare pubblicata dall’istituto di Previdenza vengono inoltre anche diffuse le date dei pagamenti di molte altre prestazioni, come quelle relative agli assegni di invalidità o le rendite vitalizie INAIL. 

Leggi anche: Pensioni trattamento minimo: cosa cambia nel 2021

Pensioni, approvata nona salvaguardia per esodati

Nel mese di Dicembre, la Commissione di Bilancio della Camera ha approvato la nona salvaguardia per gli esodati. Una misura che permette così a molti lavoratori di poter conseguire la pensione, bypassando i requisiti richiesti dalla riforma Fornero.

Una legge che ha modificato radicalmente il nostro sistema pensionistico, varate in virtù di quella manovra “lacrime e sangue” che il governo Monti ha sempre ritenuto inevitabile nonostante si trattasse di mettere in difficoltà economica milioni di persone. 

Leggi anche: Pensioni conguaglio: via alle operazioni per i contributi

Nel caso della riforma del sistema previdenziale, il cambio in corsa dei requisiti determinò una vera e propria emergenza sociale, con tantissime lavoratori che a un passo dalla pensioni, si videro d’improvviso spostare le lancette di anni, in un momento in cui perdere il lavoro alla loro età, significa quasi sempre finire nella povertà.