Iscro, una nuova Cig per lavoratori autonomi nella prossima manovra

Iscro, una nuova Cig verrà introdotta dal governo nella prossima legge finanziaria allo scopo di aiutare i lavoratori autonomi in questo difficile momento. 

Secondo alcune indiscrezioni, confermate negli ultimi giorni anche dal Sole 24 ore, quotidiano di economia e finanza, nella prossima manovra finanziaria il governo inserirà una nuova misura destinata ai lavoratori autonomi.

Un modo dunque, per non interrompere il sostegno economico a una categoria duramente provata dalle conseguenze economiche della pandemia di coronavirus. Sembra oltretutto che questo provvedimento abbia già un nome, Iscro, termine che rappresenta ‘l’acronimo di Indennità Straordinaria di continuità Reddituale e Operativa. 

Leggi anche: Naspi, nessuna proroga nella Legge di Bilancio

Iscro, una nuova Cig con durata triennale

Pixabay

Si tratta di una misura che dovrebbe coinvolgere circa trecentomila lavoratori autonomi ma che al momento riguarderà soltanto coloro che risultano iscritti alla gestione Separata dell’Inps. Per quanto riguarda l’entità del beneficio economico, si parla di una cifra che potrà variare da un minimo di 250 euro fino a un massimo di 800 euro.

L’indennità dovrebbe inoltre avere una durata triennale, restando dunque in vigore in modo continuativo fino al 2023. Si tratterebbe a tutti gli affetti di un assegno mensile a cui avranno diritto le Partite Iva che soddisferanno i requisiti richiesti. Un’altra delle ipotesi per aiutare questa categoria di cui si sta discutendo all’interno della maggioranza, riguarda la possibilità di un esonero contributivo da concedere a liberi professionisti e autonomi con ricavi fino a cinquantamila euro lordi e un comprovata perdita del fatturato di quest’anno rispetto a quello del 2019.

Leggi anche: Bonus Covid 2019, confermate alcune misure anche per il prossimo anno

L’opposizione avrebbe già dato il suo benestare per far approvare entrambe le misure, per cui non resta che attendere.