Pixabay

Il Bonus Mamma è stato confermato anche per l’anno 2021. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come richiederlo. 

Il Bonus Mamma è un provvedimento entrato in vigore nel 2017 durante il governo renzi che si propone di offrire un sostegno economico alle famiglie con figli a carico. Ed è notizia di questi giorni che si tratta di una misura che sarà confermata anche per il prossimo anno nella Legge di Bilancio.

Inoltre da quanto si apprende, all’interno di questo bonus verranno incluse diverse detrazioni destinate ai nuclei familiari con figli a carico che fino ad adesso risultano divise. Si tratta nello specifico di una assegno, di un importo pari a 800 euro, che viene corrisposto dall’Istituto di Previdenza Sociale come premio che scatta alla nascita di un nuovo componente familiare.

Un modo per incentivare la natalità in una nazione che più di altre in Europa sta scontando un preoccupante calo demografico che nel lungo termine potrebbe avere ripercussioni molto negative sull’economia. 

Leggi anche: Bonus Irpef da 480 euro per Natale: ecco chi può riceverlo 

Bonus Mamma, la documentazione richiesta per ottenere l’assegno

Pixabay

È possibile richiedere questo bonus entro un anno dalla nascita del figlio, oppure dal momento in cui viene approvato il processo di adozione. Bisogna infatti precisare che questa misura include anche coloro che decidono di adottare un bambino.

Non sono previsti limiti reddituali per accedere in quanto si tratta di un provvedimento destinato a tutta la popolazione italiana. Inoltre anche le madri straniere e le donne che hanno subito un’interruzione della gravidanza dopo il settimo mese, hanno diritto a percepirlo. Nel caso lo si stia richiedendo in seguito a una pratica di adozione, bisognerà consegnare per quanto riguarda la documentazione, un documento di riconoscimento e una sentenza definitiva che attesti la validità legale dell’adozione.

Leggi anche: Pagamenti Inps dicembre: versamenti anticipati e bonus da 1.000 euro

In caso di parto naturale, basterà semplicemente presentare un documento di riconoscimento allegando il certificato medico redatto dal ginecologo.