Pixabay

Pensioni, con la cancellazione di Quota 100, l’ipotesi di un ritorno alla precedente legge Fornero diventa sempre più probabile.

Come confermato alcune settimane fa dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Quota 100 non sarà rinnovata al termine della sua sperimentazione triennale. La misura dunque andrà in scadenza a fine 2021, e il timore per molti contribuenti è che questo comporti un ritorno alla Riforma Fornero, che non è mai stata cancellata ma semplicemente sospesa dall’introduzione di Quota 100 da parte dell’ex governo gialloverde.

A settembre era infatti iniziato un confronto tra governo e sindacati per discutere di una nuova riforma del sistema previdenziale. Fino ad adesso, l’esecutivo si è dimostrato disponibile al dialogo con i sindacati e la soluzione comune sembra quella di creare in sostituzione di Quota 100 con un meccanismo di flessibilità in uscita. 

Leggi anche: Pensioni, pagamento anticipato: il calendario di Dicembre

Pensioni, Ape Sociale e Opziona Donna prorogate fino al 2021

Pixabay

Questo però sarà possibile solo con penalizzazione, perché l’intenzione dell’esecutivo è quella di non incrementare ulteriormente la spesa pubblica. Il timore dunque, è che si possa arrivare a varare una riforma che non sia poi così dissimile dalla Fornero.

L’unica certezza al momento è che l’Ape Sociale e Opzione Donna sono state prorogate anche per il prossimo anno. Ma con il pesante impatto sulla nostra economia causato dalla pandemia toglierà quasi sicuramente anche quei pochi soldi che potevano essere stanziati per le pensioni. E quando l’emergenza sanitaria tornerà sotto controllo, questo sarà sicuramente uno degli ostacoli più grandi che la politica si troverà ad affrontare. 

Pensioni, pericolo assegni più bassi nel 2021

Alcuni giorni fa Ignazio Visco, governatore di Bankitalia, ha lanciato l’allarme sul futuro delle pensioni. Visco ha infatti dichiarato che l’impatto della crisi innescata dal coronavirus sul sistema pensionistico sarà tutt’altro che trascurabile.

E se la politica non interverrà nei prossimi anni con il dovuto tempismo, il rischio di una possibile bancarotta dell’Inps diventa sempre più reale.

Leggi anche: Pensioni Invalidità, alcune persone non hanno ricevuto l’aumento: il motivo