Pixabay

Bonus Baby Sitter 2020, come funziona e chi ne ha diritto. Una volta firmato il provvedimento, l’Inps comunicherà come presentare domanda. 

Il Decreto Ristori Bis è arrivato sul tavolo del Consiglio dei Ministri nella giornata di venerdì e dovrebbe essere approvato nel corso della prossima settimana. Saranno introdotti dei nuovi aiuti economici per tutelare le categorie che risultano più colpiti dalle nuove misure restrittive.

E l’esecutivo ha deciso di reintrodurre il Bonus Baby Sitter e il congedo parentale per sostenere le famiglie che a causa del ripristino della didattica a distanza si ritrovano con i figlia a casa senza nessuno che a cui affidarli quando lavorano.

Leggi anche: Governo, annunciato un altro bonus da 500 euro per i contribuenti

Bonus Baby Sitter, chi ne ha diritto e come presentare domanda

Pixabay

Potranno accedere al nuovo Bonus Baby Sitter da mille euro tutti i lavoratori autonomi che risultano iscritti alla gestione Separata in qualità di collaboratori o occasionali, e alle gestioni speciali riservate ad artigiani e commercianti.

Entrambi i genitori devono essere dei lavoratori e non risultare beneficiari di altre forme di sostegno al reddito come ad esempio il bonus asilo nido. La misura si attiverà soltanto per le famiglie che vivono nelle zone rosse del paese sarà valido fino al momento in cui le scuole non verranno riaperte.

Il Decreto Ristori Bis introduce un’altra importante novità per chi possiede figli con disabilità grave che vedranno invece il bonus rimanere attivo finché non saranno riaperti anche i centri diurni

Il Bonus Baby Sitter da 1.000 euro verrà erogato dall’Inps sul Libretto Famiglia. Ulteriori indicazioni verranno fornite dall’Istituto sul proprio sito istituzionale una volta che il provvedimento verrà firmato e diventerà operativo. Il cittadino che presenta domanda dovrà infatti in un secondo momento registrarsi come utilizzatore del Libretto Famiglia. 

Per presentare la domanda, il richiedente è tenuto a registrarsi presso il portale Inps accedendo con una delle credenziali che ha a disposizione tra Pin, SPID di secondo livello o superiore, Carta d’Identità Elettronica e Carta Nazionale dei Servizi. Se il cittadino non possiede nessuna delle credenziali elencate dovrà effettuare una richiesta Pin sul sito dell’Inps, o in alternativa contattare il Contact Center dell’Istituto al numero verde su rete fissa 803 164 oppure a quello pagamento con rete mobile 06 164164.

Leggi anche: Bonus 1.000 euro, da oggi è possibile presentare la domanda