Pixabay

Bonus 1.000 euro, da oggi è possibile presentare la domanda. L’inps chiarisce come presentare la richiesta. 

L’Inps ha pubblicato le istruzioni su come presentare la richiesta per ricevere il bonus da 1.000 euro previsto dal decreto Agosto per supportare alcune categorie di lavoratori pesantemente danneggiate dal lockdown.

La domanda dovrà essere presentata per via telematica o attraverso i numeri di telefono di Contact Center. Da rete fissa il numero gratuito è 803 164 mentre da rete mobile la chiamata è a pagamento è il numero da contattare è il  06 164164. Una volta che la richiesta verrà accettata, i beneficiari si vedranno accreditata la somma direttamente sul conto corrente. 

Leggi anche: Bonus Biciclette, attenzione alla truffa dei voucher a metà prezzo

Bonus 1.000 euro: chi ne ha diritto

Pixabay

Il Bonus da 1.000 euro del decreto Agosto può essere concesso a patto che il contribuente non risulti titolare di una pensione diretta, di NASPI o di un rapporto di lavoro dipendente. La somma erogata non concorre in alcun modo alla formazione del reddito, non comprende l’accredito di contribuzione figurativa e nemmeno il diritto all’assegno destinato ad aiutare i nuclei familiari in difficoltà. 

L’indennità è pero riservata soltanto alle seguenti categorie di lavoratori:

  • lavoratori stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali, anche con contratti in somministrazione, a patto che abbiano interrotto involontariamente il loro rapporto di lavoro in un periodo compreso tra il 1 Gennaio 2019 e il 17 Marzo 2020
  • dipendenti stagionali di settori differenti dal turismo e dagli stabilimenti termali che abbiano interrotto involontariamente il loro rapporto di lavoro in un periodo compreso tra il 1 Gennaio 2019 e il 17 Marzo 2020 e che abbiano svolto in questo periodo almeno trenta giornata lavorative
  • dipendenti con contratto a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti termali
  • lavoratori autonomi senza Partita Iva e che non risultino iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria è che risultino titolari di contratti autonomi occasionali in un periodo compreso tra il 1 gennaio del 2019 e il 29 Febbraio del 2020
  • Incaricati di vendite a domicilio, che risultino titolari di Partita Iva e iscritti alla gestione Separata con un reddito annuo nel 2019 che sia superiore a cinquemila euro
  • Lavoratori regolarmente iscritti al Fondo Pensioni lavoratori dello spettacolo
  • Lavoratori marittimi

Leggi anche: Governo, annunciato un altro bonus da 500 euro per i contribuenti