Nel decreto Agosto è stato inserito un nuovo Bonus di 1000 euro destinato ai lavoratori stagionali. La misura è stata approvata nelle scorse settimane e per la sua copertura finanziaria sono stati stanziati 680 milioni di euro. 

Il bonus è rivolto a tutte le categorie che sono state escluse dalla precedente indennità una tantum di 600 euro per i liberi professionisti. Questo infatti è rivolto ai lavoratori stagionali e atipici che a causa della pandemia di coronavirus si sono ritrovati impossibilitati a svolgere il loro lavoro. Il bonus al momento è valido per il solo mese di agosto. Il governo sta però pensando di estenderlo fino alla fine dell’estate.

La somma sarà erogata direttamente dall’Inps. 

Bonus 1000 euro autonomi e partite Iva: chi può richiederlo

Potranno presentare domanda per richiederlo tutti coloro che lavorano nella ristorazione, nel turismo, nell’arte e negli stabilimenti balneari. Categorie che a causa della quarantena si sono ritrovate d’improvviso senza alcuna possibilità di continuare a lavorare.

L’indennità verrà riconosciuta a patto che il richiedente abbia cessato involontariamente il rapporto di lavoro in un periodo compreso tra il 1 Gennaio 2019 e il 17 Marzo 2020.

Anche coloro che risultano iscritti al fondo pensioni dedicato a lavoratori dello spettacolo, incaricato di vendite a domicilio e intermittenti sono inclusi nella misura. 

Bonus 1000 euro Partite Iva e autonomi: come richiederlo

Le modalità attraverso cui presentare richiesta per il Bonus 1000 euro per lavoratori stagionali non sono stato ancora rese pubbliche.

Il decreto Agosto infatti si limita a dire che l’indennità sarà disponibile dopo aver presentato un’apposita domanda, ma non sono stati forniti ulteriori dettagli in merito.

Alcuni esperti ipotizzano che si tratterà di una procedura abbastanza veloce e accessibile. Probabilmente sarà simile a quella elaborata di recente dall’Agenzia delle Entrate per le imprese che presentano richiesta per i contributi a fondo perduto.

Leggi anche: Sicilia, bonus studenti fuori sede durante quarantena: chi può riceverlo