Con il nuovo Decreto Agosto, il governo ha deciso di rifinanziare l’Ecobonus Auto 2020 con altri 500 milioni di euro. 

Una scelta obbligata in quanto i primi 50 milioni che erano stati precedentemente stanziati dal Decreto Rilancio sono stati utilizzati dai contribuenti in una sola settimana. 

Da qui la decisione di destinare ulteriori fondi che sarà possibile utilizzare a partire dal 15 Agosto fino al 31 Dicembre 2020. 

Per quanto riguarda la loro ripartizione, 90 milioni vengono erogati per finanziare e incentivare l’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche. I restanti 410 milioni vengono messi a disposizione del contribuente per l’acquisto di un veicolo a basse emissioni. L’importo degli incentivi previsti del bonus, varia a seconda della classe di inquinamento del mezzo.

Il contribuente per poter accedere all’incentivo non dovrà sbrigare alcun tipo di pratica. La procedura sarà infatti gestita dal concessionario, indipendentemente dal fatto che l’acquisto avvenga con o senza rottamazione. 

Ecobonus Auto 2020: acquisti con rottamazione

Al fine di rinnovare il parco macchine italiane e fare in modo che le automobili più vecchie e dunque più inquinanti possano lentamente essere dismesse, gli incentivi più consistenti previsti nel bonus vengono destinati a coloro che decidono di acquistare una nuova automobile facendo al contempo rottamare quella precedente.

I veicoli da rottamare che rientrano nella scontistica prevista dall’Ecobonus Auto 2020 devono obbligatoriamente avere almeno dieci anni di età. 

  • I veicoli con emissioni da 0 a 20 g/km di CO2 possono disporre di incentivi fino all’importo massimo di 10.000 euro
  • I veicoli con emissioni comprese tra 21 e 60 g/km possono disporre di incentivi fino all’importo massimo di 10.000 euro
  • I veicoli compresi tra 61 e 90 g/km possono disporre di incentivi fino all’importo massimo di 3.750 euro 
  • I veicoli compresi tra 91 e 110 g/km possono disporre di incentivi fino all’importo massimo di 3.500 euro

La categorie di veicoli compresi tra i 61 e i 110 g/km possono disporre di un tetto massimo di spesa per l’acquisto di un veicolo nuovo di 40mila euro Iva esclusa. 

Ecobonus Auto 2020: acquisti senza rottamazione

Come spiegato in precedenza, il governo ha deciso di disincentivare gli acquisti di automobili nuove a basse emissioni qualora avvengano senza la rottamazione del veicolo precedente. Per questa ragione, gli incentivi previsti dall’Ecobonus Auto 2020 senza rottamazione risultano inferiori rispetto agli acquisti che avvengono con rottamazione. 

  • I veicoli compresi tra 0 e 20 g/km hanno a disposizione incentivi fino all’importo massimo di 6.000 euro
  • I veicoli compresi tra i 21 e i 60 g/km hanno a disposizione incentivi fino all’importo massimo di 3.500 euro
  • I veicoli compresi tra i 61 e i 90 g/km hanno a disposizione incentivi fino all’importo massimo di 2.000 euro
  • I veicoli compresi tra i 91 e i 110 g/km hanno a disposizione incentivi fino all’importo massimo di 1.750 euro

Il tetto massimo di spesa per l’acquisto di nuovo veicolo per le categorie comprese tra i 61 e i 110 g/km è di 40.000 euro Iva esclusa. 

Ecobonus Auto 2020: incentivi alla doppia rottamazione

I contribuenti che decidono di acquistare una nuova automobile a basse emissioni e rottamano anche un secondo veicolo che abbia almeno dieci anni di età, avranno a disposizione un bonus aggiuntivo di 750 euro. 

Questa cifra potrà essere sommata al totale complessivo degli incentivi previsti dall’Ecobonus Auto 2020 quando si acquista una nuova auto.

In alternativa, il contribuente ha anche la possibilità di utilizzare la somma come credito d’imposta entro tre anni, a patto che sia la cifra in questione sia destinata all’acquisto di bici o monopattini elettrici, abbonamenti al trasporto pubblico o servizi di mobilità elettrica.

Leggii anche: Il modello tedesco dell’Irpef si fa avanti anche in Italia: l’ipotesi di riforma