Bollette, per le imprese arriva la beffa‎: cosa succede

Il decreto Aiuti-ter è stato approvato dal Consigli dei ministri e prevede una serie di interventi per famiglie e imprese

Bollette, pronto il prestito per le imprese (Foto Adobe)

Il Governo Draghi ha varato l’ultimo provvedimento a sostegno di famiglie e imprese per contrastare l’inflazione e il caro energia. Poi la parola sarà data agli elettori che sceglieranno la composizione del nuovo parlamento e dal quale poi nascerà il nuovo governo.

Infatti, il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Aiuti-ter per il valore di 14 miliardi di euro. Il decreto prevede una serie di interventi a favore di famiglie e basso reddito e imprese. Tuttavia, nonostante l’investimento ulteriore, per le bollette era atteso un provvedimento più consistente a favore delle imprese.

Bollette, per le imprese un prestito con interesse e a garanzia statale

bollette calcoli altroconsumo
Bollette, pronto il prestito a garanzia statale per le imprese (Foto Pixabay)

Infatti, oltre all’allargamento della percentuale dei crediti d’imposta sul valore delle bollette pagate che offre un vantaggio che si maturerà in percentuale e soltanto sulle future imposte, nel breve termine l’unico intervento favorevole è quello di accedere ad un prestito garantito dallo Stato per pagare le bollette.

Leggi anche: Stufe a pellet, ci sono tre tipi: prezzi e differenze

Si legge sulla bozza del decreto che il prestito può essere acceso “per esigenze di capitale d’esercizio per il pagamento delle fatture, per consumi energetici, emesse nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022″. Il prestito sarà corrisposto anche dal pagamento di un interesse che secondo quanto previsto dal decreto sarà equivalente al tasso di interesse dei Btp.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, stanno arrivando extra: la sorpresa

Si tratta di un tasso basso rispetto a quelli operati per i prestiti ordinari ma comunque è una ulteriore spesa che si aggiunge al costo già esoso delle bollette arrivate e in arrivo nei prossimi mesi. Il premier ha ricordato i conferenza stampa  che il meccanismo è “del tutto simile a una rateizzazione delle bollette, che è difficile da fare. Il sistema bancario si è messo a disposizione per offrire questi prestiti all’interesse dei Btp”.