Digitale terrestre, nuovo allarme canali Rai: cosa succede

Non c’è pace per il digitale terrestre. Tanti cittadini continuano a lamentare l’impossibilità parziale o totale di seguire anche solo i canali della Rai con situazioni al limite del paradossale

non si vede digitale terrestre perchè
Digitale terrestre (foto Adobe)

Nonostante sul sito ufficiale approntato dal Ministero dello Sviluppo Economico le operazioni di refarming siano segnalate come concluse ci sono adesso tutti gli aggiustamenti a livello locale, con brutte sorprese che stanno mettendo a dura prova la pazienza di tanti utenti.

Perché, e queste sono le lamentele che arrivano dalla popolazione di diverse aree, non sembra essere bastato spendere per cambiare la tv o il decoder e tante voci si lamentano di continuare comunque a pagare il canone, anche se ormai da settimane della TV si vede poco o nulla. Ma che cosa sta succedendo effettivamente? E che cosa potete fare se vi trovate in una situazione simile?

Digitale terrestre, situazione critica in Appennino ma non solo

Digitale terrestre
Digitale terrestre (foto Adobe)

Torniamo a parlare dei disservizi che la nuova TV digitale sta continuando a creare a moltissimi utenti, nonostante le operazioni ufficiali organizzate dal MISE si siano concluse lo scorso 30 giugno. Dall’inizio di luglio e fino probabilmente alla fine dell’anno tutte le emittenti che hanno dovuto, diciamo così, traslocare per lasciare spazio allo sviluppo della rete del 5G si stanno spostando e stanno attivando i nuovi ripetitori dove possibile.

Leggi anche: Digitale terrestre, alcuni trucchi per la risintonizzazione dei canali

Ma questi cambiamenti e questi spostamenti non sono né facili nè indolori. Ed è per questo che, come riporta anche il Resto del Carlino della sua edizione di Modena, nella zona dell’Appennino modenese ci sono tantissimi piccoli comuni che si trovano a non riuscire neanche a vedere i canali della Rai. E a giudicare da alcune testimonianze, è una situazione che va avanti da un bel po’. A nulla sembrano valere neanche le rimostranze presentate da alcuni sindaci, come quello di Sassuolo. Continuano ad esserci utenti che si trovano “al buio”.

Leggi anche: Digitale terrestre, ancora modifiche: addio a questi canali

Le motivazioni di questa situazione possono essere sostanzialmente due. I nuovi ripetitori si trovano in una posizione non ideale per raggiungere i comuni che dovrebbero servire oppure nonostante l’aggiornamento dell’impianto con la sostituzione della tv o del decoder, c’è ancora qualche pezzo che interferisce con il segnale e vi impedisce di ricevere i programmi come dovreste. Un controllo che potete fare è attraverso un tecnico specializzato che possa assicurarvi sulla qualità del segnale che il vostro impianto riceve o indirizzarvi in modo da migliorare la situazione.