Canone Rai, nota dell’Agenzia delle Entrate: al via i rimborsi

Risoluzione dell’Agenzia delle entrate relativa al canone Rai e al rimborso speciale previsto per determinate categorie

canone rai agenzia entrate
Agenzia delle Entrate

Arriva la risoluzione dell’Agenzia delle entrate riguardante il rimborso del canone Rai per determinate categorie di contribuenti. Si tratta nello specifico del rimborso del canone speciale. Quest’ultimo corrisponde al canone Rai che pagano gli esercizi commerciali di intrattenimento. Si tratta, in particolare, di bar, ristoranti e alberghi. In particolare, la risoluzione numero 6 del 25 gennaio 2022, a seguito dell’articolo 6, comma 5, del decreto legge 22 marzo 2021, n. 41, definisce il codice tributo per ottenere il rimborso.

Canone Rai, arriva il codice tributo per il credito d’imposta

canone rai agenzia entrate
Pixabay

Il suddetto decreto dello scorso marzo prevede, infatti, l’esonero dal versamento del canone RAI per l’anno 2021 per: “le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico, comprese le attività similari svolte da enti del Terzo settore…”. Bar, ristoranti e alberghi rientrano principalmente in questa ampia categoria di contribuenti.

Leggi anche: Digitale terrestre, perché esce la scritta ‘canale provvisorio’?

Inoltre, il comma 6 dell’articolo 6 prevede, inoltre, il riconoscimento di: “un credito d’imposta pari al 100 per cento dell’eventuale versamento del canone di cui al comma 5 intervenuto antecedentemente alla data di entrata in vigore del presente decreto…”. In sintesi, attraverso il codice tributo appena diffuso dall’Agenzia delle Entrate, sarà possibile recuperare in compensazione con altri tributi quanto speso per il canone Rai. Il tutto avviene, infatti attraverso il modello F24 che prevede appunto la compensazione tra crediti e debiti verso l’erario in riferimento ai tributi.

Leggi anche: Digitale terrestre, il numero whatsapp per dubbi o problemi

Nella risoluzione dell’Agenzia sono indicate anche le istruzioni per la compilazione del modello F24. L’intervento rientra nei vari provvedimenti di sostegno previsti a sostegno delle attività economiche che hanno risentito delle restrizioni applicate in questi due anni a causa della pandemia da Covid-19. La presentazione del modello F24 deve avvenire tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate e la somma può essere recuperata soltantro sotto forma di credito d’imposta.