Mutuo prima casa per i giovani: tutti i vantaggi e i requisiti

La pandemia da Covid-19 ha portato con sé anche una crisi economica. Lo Stato è intervenuto con varie misure tra cui il mutuo prima casa per i giovani

casa modellino
(pixabay)

Per aiutare gli italiani e i giovani ad uscire dalla crisi economica causata dalla pandemia da Covid -19 il governo ha messo in campo una serie di aiuti e misure.

Tra questi il Dl Sostegni bis, varato dal governo Draghi, è intervenuto per introdurre nuove misure per agevolare l’accesso al mutuo per gli under 36 per l’acquisto della prima casa.

Mutuo prima casa, tutti i requisiti

casa
(pixabay)

Tramite il mutuo prima casa per gli under 36 lo Stato garantisce ai giovani lavoratori fino all’80% dell’importo richiesto come mutuo per l’acquisto del primo immobile. In questo modo si permette di allargare la platea di coloro che hanno accesso al credito immobiliare.

Leggi anche: Supermercati, ritirati questi 6 prodotti: sono contaminati

Ovviamente per poter accedere alla misura bisogna avere determinati requisiti. Innanzitutto chi accede a questa tipologia di finanziamenti per la prima casa ha il vantaggio di beneficiare del Fondo di Garanzia statale.

Le agevolazioni sui mutui prima casa sono di diversi tipi. Occorre dire che la garanzia statale permette una soglia finanziabile dell’immobile più elevata; poi l’imposta di registro, ipotecaria e sul mutuo sono azzerate e i tassi di interesse sul mutuo calmierati (massimo 1,8% per il tasso fisso e 2,2% per quello variabile). L’importo massimo richiedibile è di 250.000 euro, inclusi eventuali interventi di ristrutturazione o miglioramento energetico e garanzia statale fino all’80% dell’importo richiesto.

Per accedere alle agevolazioni ci sono una serie di requisiti da tenere conto. I richiedenti dovranno avere una età massima di 36 anni e un ISEE non superiore ai 40mila euro annui per ottenere la garanzia all’80%.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, arriva il triplo pagamento. Ecco a chi spetta

Con un ISEE superiore è possibile comunque ottenere una garanzia da parte dello Stato che sarà non dell’80 ma del 50%. Ancora non bisogna essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo in Italia e all’estero. La casa per cui si richiede il mutuo deve essere in Italia, adibita ad abitazione principale e non deve ricadere nelle categorie di lusso/signorile.

Possono accedere a questa tipologia di mutui anche coloro che non hanno un lavoro a tempo indeterminato, i liberi professionisti e coloro che hanno un contratto di lavoro atipico. Ricordiamo, infine, che non è necessario avere un garante per ottenere il mutuo per giovani agevolato.