PostePay, grande novità da questo mese: i dettagli

La PostePay cambia gestione, da Poste Italiane a PostePay S.p.a. Cosa cambia per i correntisti di Poste Italiane?

Postepay
Postepay (Foto dal profilo Facebook)

La PostePay è una delle carte più vendute nell’ambito dei servizi finanziari. Innanzitutto perché i costi del conto Banco Posta sono generalmente inferiori agli istituti di credito bancari. Avere una carta, anche se ricaricabile ed indipendente, collegata al proprio conto corrente è sempre più comodo. Inoltre con la carta di debito PostePay si può ritirare contanti in tutti gli Atm gratuitamente, cosa che solitamente non succede con gli altri Bancomat.

Dal primo ottobre la PostePay fa capo ad un’azienda autonoma, PostePay S.p.a, scissa da Poste Italiane. Cosa cambia per i possessori della carta di debito?

Pressappoco non cambia nulla, i costi ed i termini della carta di debito sono legati al contratto precedentemente firmato con Poste Italiane, e la nuova azienda è vincolata da quello. Infatti i clienti non hanno ricevuto alcuna comunicazione della modifica, in quanto il loro contratto rimane integro.

Il conto corrente continua a fare capo a Poste Italiane, mentre la carta di debito è gestita da PostePay S.p.a.

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, la novità: ora è più facile conoscere i pagamenti

PostePay, funzionalità aggiuntive con la nuova gestione

La prima novità con il cambio aziendale è l’aumento del tetto di spesa della carta, al livello mensile e giornaliero. Dal 1° ottobre i massimali passano dai 5.000 euro giornalieri anziché 3.500 euro e 15.000 euro mensili anziché 10.000 euro.

Inoltre la PostePay diventa sempre più digitale. Con la App dedicata si può:

  • effettuare pagamenti dallo smartphone in modalità contactless presso gli esercenti fisici convenzionati;
  • trasferire in tempo reale denaro da/verso altre carte Postepay, sia di debito che prepagate, (c.d. servizio “P2P”);
  • pagare servizi di “mobilità”, come ad esempio parcheggi, acquisto biglietti trasporto nelle città abilitate;
  • utilizzare il servizio di trasferimenti fondi internazionale.

Leggi anche: Viaggio in vista? Ecco cosa non fare mai in aeroporto

Non c’è da temere per i possessori della carta di debito PostePay, la nuova azienda assicura i termini precedenti e fornisce ulteriori funzionalità.