Tasse, dall’Europa si richiede una riforma fiscale

L’abbassamento dell’Irpef per il ceto medio necessiterà di attingere dall’immobile. Il governo su legge delega fiscale

irpef
(pixabay)

L’Europa da tempo chiede all’Italia di conformarsi con la media degli stati membri sul tema fiscale. Le tasse sul reddito da lavoro in Italia sono troppo alte. Ed allora come bilanciare le casse statali? Un altro problema tutto italiano sono le rendite da “mattone”. Il belpaese ha culturalmente sempre investito molto sulle case. Da oltre 15 anni c’è una lotta per ricavare di più dall’immobile, ma le associazioni di proprietari, e le parti politiche vicine ai redditi più alti lo hanno impedito.

Da qualche tempo c’è segnale di cambiamento. Il governo ha richiesto alle Agenzie per le Entrate di efficientare la mappatura catastale, e di tenerla aggiornata, per mettere meglio in evidenza gli evasori fiscali. Al momento il governo è al lavoro su una legge delega fiscale. La legge delega, nell’ordinamento giuridico italiano, è un tipo di norma su cui il parlamento ha dato la delega al governo di legiferare.

Leggi anche: Bancomat, ecco come prelevare gratis allo sportello

La riforma catastale ai fini fiscali

tasse
(pixabay)

Come già detto, i lavori sulla riforma fiscale si sono da poco aperti, ma le previsioni, se si troverà un accordo, sono che si rispetti la richiesta UE di abbassare la tassazione sulla busta paga e che si metta sul tavolo una riforma catastale. Finora il sistema catastale, che stabilisce il valore dell’immobile, teneva presente i vani e non i metri quadri di un appartamento. Secondo gli esperti in questo modo rimangono privilegiate le case nei centri delle città d’arte, che, seppur con un gran valore commerciale, non hanno un corrispettivo catastale e quindi non pagano abbastanza tasse; al contrario le case di nuova costruzione sono più vicine al loro valore reale.

Leggi anche: Furti auto, usi la chiave a distanza? Ecco come ti beffano

La proposta è di invertire questo sistema, e di attribuire il valore all’immobile tenendo presente i metri quadri e non i vani. Oltre la riforma catastale la legge delega dovrebbe prevedere mezzi supplementari di lotta contro l’evasione fiscale nell’immobile.