“Scapigliato alberi”, un progetto di impianto di 245mila piante

In Toscana, nei prossimi 10 anni, verranno piantati 245mila alberi contro il gas serra. Un progetto che coinvolge aziende locali ed associazioni.

alberi
(pixabay)

Se non si riesce ad arginare i danni di una malattia bisogna rinforzare gli anticorpi. Quando la malattia è l’impatto ambientale del gas serra, gli anticorpi sono endogeni: gli alberi.

La quantità strabordante di CO2 nell’ambiente può essere sanata attraverso il rinforzo dell’ossigeno che le piante naturalmente producono. Il progetto “Scapigliato Alberi”, messo a punto dalla società che gestisce l’omonimo polo impiantistico di smaltimento dei rifiuti si è dato proprio questo come proposito: piantare alberi per combattere il gas serra.

Il progetto prevede l’impianto di 245mila alberi, principalmente ulivi, su una superficie di quasi 75mila ettari in Val di Cecina, tra le province di Livorno e Pisa. Attraverso questo programma verranno compensate 1.195.000 tonnellate di CO2.

“Scapigliato alberi” coinvolgerà 13 comuni toscani, che nell’arco dei prossimi 10 anni guadagneranno gli alberi grazie al supporto del comune di Rosignano marittimo e dell’Azienda agricola Torre dell’Etruria.

Il progetto sarà finanziato per 3 milioni di euro.

Leggi anche: Life, un nuovo programma europeo per ambiente e clima

Il programma “Fabbrica del futuro”

inquinamento
(pixabay)

“Scapigliato alberi” fa parte di un programma di sostenibilità ambientale più a largo raggio, “Fabbrica del futuro”.

“E’ un progetto ambizioso, che raccoglie in sé l’insieme dei grandi problemi che questo Paese, e il mondo intero ha di fronte”, così Alessandro Giari, presidente di Scapigliato Srl esordisce parlando del programma di impianto di ulivi.

“Fabbrica del futuro” si pone l’obiettivo di selezionare i rifiuti, trasformarli, e rimetterli sul mercato come nuova materia prima ed energia. Un impegno che si traduce in investimenti per oltre 70 milioni di euro in 10 anni.

Leggi anche: Microplastiche, un nuovo modello per capire quante se ne accumulano nell’organismo

L’intervento istituzionale sulla sostenibilità ambientale è il primo ad essere tirato in causa, ma anche le azioni locali, ad opera di associazioni ed aziende private, possono apportare un grande contributo.