Doodle, perché Google oggi ha scelto Laura Bassi

Google oggi 17 aprile ha scelto come protagonista del suo Doodle Laura Bassi. Scopriamo insieme il perchè.

Foto (Screenshot wikipedia)

Come spesso accade Google dedica il suo Doodle a personaggi storici in determinate date dell’anno. La scelta, ovviamente, è sempre mirata con l’obiettivo di ricordare chi è entrato nella storia dell’umanità nel suo settore di competenza. Oggi, 17 aprile, la scelta è ricaduta su Laura Bassi. Se per molti di voi questo nome potrebbe non essere familiare, non vi preoccupate: a breve vi racconteremo di chi si tratta.

Laura Bassi nacque il 29 ottobre del 1711 a Bologna. La sua laurea segna un record a livello europeo: è stata la seconda laureata del vecchio continente. Entra nell’accademia delle scienze nel 1732 per approfondire le sue passioni per la biologia e la fisica. Dopo la discussione della tesi le viene immediatamente affidata una cattedra onorario in filosofia anche se nel corso del tempo diverrà celebre per le sue approfondite conoscenze in altri campi.

Leggi anche: Ibrahimovic di nuovo nei guai: adesso lo svedese rischia una forte multa

Perchè Google ha dedicato il Doodle a Laura Bassi

Foto (Screenshot Google)

La carriera professionale e provata di Laura Bassi si mescolarono quelle di Giuseppe Veratti, medico che sposò nel 1738 e con il quale ebbe 8 figli. I due organizzarono in casa un laboratorio di fisica sperimentale newtoniana e un salotto culturale, e qui dal 1749 iniziò a insegnare la disciplina a universitari, aggirando il divieto di insegnamento per le donne.

La sua figura è estremamente importante proprio per questo aspetto. Laura Bassi ha avuto un ruolo importantissimo, in un’epoca nella quale per le donne era impossibile esprimersi in ambiti scientifici, distruggendo il comune pensiero accademico del tempo che quasi escludeva le donne dall’insegnamento.

Leggi anche: Covid, scoperta la sostanza che lo rende inattivo in trenta secondi

Il Doodle di Google è solo un riconoscimento, arrivato a oltre due secoli dalla sua morte, per ricordarne le gesta e quanto queste siano importanti ancora oggi.