Dati Istat febbraio: cresce la disoccupazione, 2020 terribile per il lavoro

Dati Istat preoccupanti quelli relativi al mese di febbraio: numeri che hanno confermato il terribile 2020 per il lavoro e per l’occupazione

Dati Istat lavoro
Grafico occupazione (Pixabay)

I dati Istat sull’occupazione inerenti all’anno 2020 confermano la tendenza negativa che ha investito il paese dall’arrivo della pandemia da Coronavirus. Infatti sono davvero pochi i settori che sono riusciti ad uscire indenni da una crisi che al momento appare irreversibile anche in questo primo trimestre del 2021. Ma diamo uno sguardo nello specifico ai numeri diffusi dall’Istituto di Statistica per comprendere al meglio la situazione nel comparto lavoro.

Partiamo dal mese di febbraio del 2020. L’Istat ha fornito il tasso di disoccupazione che si è attestato al 10,2%, in calo rispetto a gennaio dello 0,1%. Ma i numeri che preoccupano maggiormente sono quelli relativi al tasso di inattività tra i 15 ed i 64 anni che rimane al 37%. Nello specifico si apprende che i disoccupati  a febbraio sono stati 2.518.000, in aumento di 21mila unità rispetto allo stesso mese del 2020.

Leggi anche: Assicurazione auto, svelati i dati ufficiali: ecco dove si paga di meno

Situazione preoccupante che conferma quanto sia stata devastante la situazione pandemica nel paese, con i lockdown e le zone rosse che hanno contribuito a rendere difficile l’andamento nel campo occupazionale nel paese.

Dati Istat, l’impatto della pandemia sul lavoro

Dati Istat lavoro
Grafico occupazione (Pixabay)

L’emergenza Coronavirus ha avuto un impatto pesante sull’economia del paese, portando ad un peggioramento nel comparto lavoro evidenziato dai dati Istat. Numeri che hanno portato ad un crollo netto dell’occupazione rispetto ad un anno fa. La flessione è stata infatti del 4,1%, con un -945mila unità. L’andamento della decrescita ha riguardato sia gli uomini che le donne.

Nello specifico ha colpito i lavoratori dipendenti (-590milla) ed i lavoratori autonomi (-355mila) senza particolari distinzioni di età. In base a questi numeri si analizza che il tasso di occupazione è sceso in 12 mesi di 2,2 punti percentuali, attestandosi al 56,5%.

Leggi anche: Cristina D’Avena, ecco i guadagni e cosa fa oggi la regina dei cartoni animati

Per quel che riguarda invece il tasso di disoccupazione dei giovani dai 15 ai 24 anni, il calo è di 1,2 punti per il mese di gennaio. Ed è in aumento di 2,6 punti sul mese di febbraio 2020.