Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande

Federvini ha reso noti i dati sul delivery di cibo e bevande in Italia nel 2020: l’effetto Covid ha fatto fare un balzo del 180%.

Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande
Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande (foto: pixabay)

Cresciuto del 180% il delivery di bevande e cibo, questi i dati diffusi da Federvini. Importante è stato l’effetto Covid sugli spostamenti dei consumatori.

Leggi anche: Imu, cambia tutto: ecco chi pagherà di più

Effetto Covid, in Europa il 2020 è l’anno del delivery

Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande
Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande (foto: pixabay)

I dati diffusi da Federvini riguardano tutta l’area dell’Unione Europea e fotografano una situazione molto favorevole per i servizi di consegna a domicilio non solo per quello che riguarda il cibo ma anche per le bevande. I dati diffusi da Federvini sono stati raccolti da Reply, multinazionale di informatica. Oltre ad aver cambiato le abitudini della spesa per gli europei, l’effetto della pandemia si fa sentire anche sui metodi di pagamento.

In totale i servizi di acquisto online di cibo e bevande sono cresciuti in Italia del 180%, in Francia si è registrato un aumento del 113%, in Germania si è trattato di un 68% in più. Il Paese con l’aumento maggiore in assoluto è stato la Gran Bretagna con quasi il 200% di aumento.

Leggi anche: Imu cancellata per molti cittadini: ecco chi riguarderà

Per quanto riguarda le modalità di pagamento, invece, il nostro Paese stenta ancora a far avviare la rivoluzione dei pagamenti digitali. In generale, l’87% degli europei si prevede ricorrerà meno ai contanti e più spesso ai pagamenti elettronici, ma in Italia per ora, nonostante l’impennata del delivery come effetto del Covid e delle restrizioni agli spostamenti, si è registrato solo un incremento del 34%. In altri Paesi, per esempio in Germania, l’aumento è stato del 57%. Anche in questa classifica, l’Inghilterra è in cima con un +131%.