Imu, cambia tutto: ecco chi pagherà di più

Il disegno di legge sulla rigenerazione urbana prevede delle importanti novità sull’Imu. Alcuni cittadini pagheranno di più.

Imu
Pixabay

L’Imu non sarà più come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi. Il disegno di legge sulla rigenerazione urbana, approvato dal Senato il 10 marzo 2021, lascia ai Comuni – e in alcuni casi alle Regioni – la possibilità di prevedere un aumento dell’imposta municipale unica. Questo avverrà attribuendo sconti per i lavori di riqualificazione e aumentando le tasse a chi, invece, è proprietario di case sfitte.

Il disegno di legge n. 1131 varato in Senato ha lo scopo di delineare i punti chiave in materia di riqualificazione urbana. Gli incentivi saranno destinati per gli interventi da effettuare con urgenza nelle aree urbane in degrado.

Lo scopo della legge è quello di favorire la riqualificazione urbana, quale insieme sistematico di cambiamenti urbanistici ed edilizi “su aree e complessi edilizi caratterizzati da uno stato di degrado urbanistico edilizio o socioeconomico”.

Leggi anche: Imu cancellata per molti cittadini: ecco chi riguarderà

Imu, agevolazioni e sospensioni: cosa c’è da sapere

Imu
Pixabay

Per incentivare e incoraggiare gli interventi, in grado di dare un nuovo volto a edifici e aree abbandonate di Comuni o città, il testo ha segnalato alcuni sconti per gli immobili che hanno diritto alla riqualificazione.

Tra i benefici a cui si può accedere, oltre agli ingenti sconti, l’amministrazione comunale ha il potere di sospendere Imu, Tari e Tasi. Unico aspetto a cui deve prestare attenzione è quello di segnalare in via preventiva nel piano comunale gli immobili esenti.

Leggi anche: Il Fisco batte cassa: questi bonus andranno restituiti

Se da una parte, il disegno di legge sulla rigenerazione urbana permette di accedere a una serie di agevolazioni e sconti sull’imu, dall’altro la stessa legge concede ai Comuni – e alle Regioni – la possibilità di aumentare l’imposta municipale unica negli anni avvenire.