Draghi cancella bollo auto, Imu e Tari! Annuncio in arrivo, svolta epocale 

Bollo auto, Imu e Tari: arriva la notizia che mette fine a un incubo per tantissimi italiani. E’ atteso l’annuncio per le prossime ore. 

Screenshot Youtube

E’ ormai grande in Italia l’attesa per il Decreto Sostegno, ovvero la prima misura firmata Mario Draghi per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 e andare in soccorso ai cittadini umanamente ed economicamente provati dalla pandemia. Ma una cosa, intanto, sembrerebbe certa: oltre a confermare tutti i ristori e il blocco dei licenziamenti, il neo Presidente del Consiglio è pronto ad agire definitivamente anche per specifiche cartelle esattoriali.

Bollo auto, Imu e Tari: intervento di Draghi sulle cartelle esattoriali 

Cartelle esattoriali
Pixabay

L’intervento – secondo quanto emerge dalla bozza – includerebbe di fatto l’annullamento di quelle situazioni emesse nel 2015. Una mossa che riguarderebbe dunque tutti gli cumuli di bollo auto, Imu e Tari. All’orizzonte c’è infatti la nuova Pace Fiscale che dovrebbe partire entro il prossimo mese di giugno, con la quale subentrerebbe un Saldo e stralcio molto più ampio. Ovviamente l’atto non riguarderebbe indistintamente tutti, piuttosto chi ha questioni relative appunto al 2015 e soprattutto che non superino i 5.000 euro totali.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, arriva una brutta sorpresa 

Sorpassato tale confine si entrerebbe poi nella Rottamazione quater, nonché il pagamento della cartella ma senza includere gli ulteriori costi di interessi e sanzioni. Una tesa di mano del governo verso i debitori niente male, considerando che le suddette fanno schizzare alle stelle il valore iniziale portandolo alle volte anche al triplo. Il mini condono, invece, è relativo a taglio dei debiti ormai di vecchia data e non più riscuotibili.

Leggi anche: Hai un cane? Puoi ottenere 1.000 euro di bonus 

C’è un’importante precedente a tal proposito: il decreto fiscale 2019. Questo infatti, sempre posto col medesimo scopo, riuscì a depennare migliaia di situazioni relative appunto al bollo auto, all’imposta municipale unica, la tassa sui rifiuti e altre imposte di vario tipo. In quel caso furono azzerate tutte le cartelle esattoriali dal valore di 1.000 euro. Ora lo sforzo è ancor più grande e l’intento è di alleggerire sia i cittadini che lo stesso ente fiscale di riscossione, immerso ormai da anni in un oceano di documenti e fascicoli.