Postepay, questi clienti dovranno ritirare un rimborso in ufficio

La Postepay può non essere più utilizzabile. In questo caso ci sono differenti modi in cui il titolare può riavere il denaro

Postepay recupero denaro
Postepay (Foto Pixabay)

La Postepay è la carta ricaricabile di Poste Italiane. È stata una dei primi esempi nostrani di ricaricabile. Comoda per i genitori che versano un mensile ai figli senza che il conto possa andare in rosso. Ed anche per gli acquisti online. In caso di truffe, se nella postepay c’è poco denaro, sarà poco anche il danno. Può essere associata ad un conto corrente Bancoposta, così da facilitare le dinamiche, tramite web o App.

Tuttavia la Postepay non ha durata infinita. La data di scadenza è indicata sulla carta stessa. È indicato mese ed anno di riferimento della scadenza. Ciò significa che la carta è valida fino all’ultimo giorno del mese segnato.

Postepay, cosa fare in caso di scadenza

Postepay recupero denaro
Postepay (Foto Pixabay)

Generalmente la nuova Postepay arriva direttamente al domicilio del titolare qualche settimana prima della scadenza. A quel punto, per recuperare il denaro sulla vecchia carta, si deve attivare la nuova. Ci sono vari modi:

  • attivazione della Postepay online dal sito o dall’app;
  • attivazione della PostePay chiamando il Servizio Clienti al numero verde gratuito 800.00.33.22;
  • attivazione della PostePay presso un ATM, inserendo la nuova carta e digitando il vecchio Pin, infatti quest’ultimo non cambia quando viene consegnata una nuova carta.

Leggi anche: L’errore che può smagnetizzare la Postepay: lo fanno in tanti

In alternativa, nel caso in cui la carta non arrivi a casa, si può procedere attivamente online o in ufficio postale. Si può richiedere la carta nuova 2 mesi prima e fino a 18 dopo la data di scadenza senza alcun costo. La sostituzione della carta in ufficio postale può essere effettuata anche in ufficio postale. Mentre invece per la Evolution si può procedere solo con la richiesta in ufficio, poi verrà recapitata a casa.

Leggi anche: Libretto Poste, si può prelevare anche presso un bancomat?

Se il rinnovo viene richiesto prima dei 18 mesi dalla scadenza il credito viene traferito automaticamente sulla nuova carta. Dopo i 18 mesi dalla scadenza invece, l’attivazione ed il trasferimento del denaro dovranno essere richiesti in ufficio postale.