Buoni fruttiferi Poste, arriva una grossa novità per i clienti

Arriva una grande sorpresa per i clienti di Poste italiane. Attenzione ai Buoni fruttiferi postali e ai loro rendimenti

poste italiane buoni
Poste italiane Buoni (Foto Adobe)

Tra gli strumenti finanziari più utlizzati dai risparmiatori ci sono sicuramnte i Buoni fruttiferi postali. La clientela li sceglie per l’assenza di costi di apertura e rimborso, per la facilità di sottoscrizione dei contratti possibili in tutti gli uffici postali della penisola. In più la garanzia della Cassa depositi e prestiti che li emette (Società per Azioni controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze), li rende sicuri e  appetibili per tutti i risparmiatori diffidenti verso investimenti più rischiosi.

I Buoni fruttiferi postali sono caratterizzati da interessi fissi e crescenti che rendono certo il capitale, pur con rendimenti contenuti.  Ma da questo punto di vista ci sono grosse novità per i sottoscrittori dei Buoni. L’emittente Cassa depositi e prestiti ha introdotto dei cambiamenti nella sua politica dei rendimenti che sicuramente interesserà la clientela di Poste italiane.

Cosa cambia per alcuni Buoni fruttiferi postali

Poste italiane buoni
Poste italiane Buoni (Foto Pixabay)

I clienti di Poste possono sottoscrivere dei nuovi prodotti finanziari di risparmio con rendimenti più interessanti del passato. In particolare Cassa deposito e prestiti ha presentato il Buono 3 anni plus e rivisto al rialzo tutti i tassi degli altri già in offerta. I rendimenti aumentano per il Buono 3×2, per quello 3×4 e infine per il 4×4.

Per il 3×2 il tasso è aumentato al tasso anno lordo dell’1,75 per cento a scadenza. Dura 6 anni, divisi in due parti temporali di tre anni. Il rendimento è fisso e crescente nel tempo (step up). Il 3X4 ha durata di 12 anni divisi in 4 periodi temporali triennali durante i quali il tasso d’interesse aumenta. A scadenza, il rendimento annuo lordo è pari al 2,00 per cento. Il 4×4 è composto da 4 parti triennali e il rendimento a scadenza è del 3,00 per cento. Tutti consentono la possibilità di rimborso anticipato.

Leggi anche: Poste, quanto si paga oggi per avere lo Spid?

I rialzi hanno interessato anche altri prodotti largamente diffusi. Il buono ordinario ventennale ha un rendimento annuo lordo a scadenza del 2,00 per cento. Quello di risparmio semplice a 4 anni ha un tasso dell’1,00 per cento per il rendimento annuo lordo standard (in passato era dello 0,25 per cento). Mentre prevede per il rendimento premiale un tasso dell’1,50 per cento, il triplo del passato.

Leggi anche: Postepay, bonus da 300 euro per molti clienti: chi potrà averlo

Infine il buono dedicato ai minori che vede il rialzo più vistoso. Dura 18 anni e il rendimento cresce con la durata del possesso del titolo. Il rendimento annuo lordo può giungere in questo frangente fino al 3,5 per cento. Insomma una grande occasione per i risparmiatori di Poste italiane.