Reddito di cittadinanza, l’intestatario è proprietario dei soldi?

Il reddito di cittadinanza è una misura di sostegno alla lotta alla povertà erogato mensilmente attraverso una carta

Reddito di cittadinanza date ricarica maggio
Reddito di cittadinanza (Foto Pixabay)

Il reddito di cittadinanza è la misura adottata in Italia per sostenere la lotta alla povertà e i fenomeni di indigenza tra la popolazione. Secondo i dati della Caritas i poveri assoluti in Italia superano i sette milioni di persone. Lo strumento viene erogato attraverso una carta apposita consegnata al beneficiario.

Su questa carta specifica viene accreditato mensilmente un importo calcolato in base al numero di componenti del nucleo familiare. Una persona singola riceve un importo che equivale alla soglia di povertà indicata a livello europeo. Si tratta di 780 euro. In realtà, nel caso del reddito di cittadinanza è erogata una somma di 500 euro alla quale si aggiungono eventualmente 280 euro in presenza di affitto per l’abitazione principale.

Reddito di cittadinanza, cosa c’è da sapere sulle somme erogate

Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza (Foto Adobe)

La somma erogata sulla carta è a disposizione del beneficiario ma non diventa di sua proprietà. Infatti, le somme erogate sulla carta non utilizzate alla fine del mese vengono sottratte dalla disponibilità del beneficiario che riceve, tuttavia, una nuova mensilità ordinaria successivamente.

Leggi anche: Mascherine, quando serve l’Ffp2 e quando la chirurgica?

Inoltre, le somme accreditate sulla carta possono essere utilizzate soltanto per acquistare determinati beni o servizi. Si tratta di:

  • alimenti;
  • vestiti;
  • farmaci;
  • libri;
  • mobili;
  • piccoli o grandi elettrodomestici;
  • cellulari.
  • utenze
  • affitto
  • mutuo

Sono esclusi gli acquisti di:

  • navi, imbarcazioni di diporto o servizi portuali (sono vietati anche il noleggio o il leasing);
  • armi;
  • materiale pornografico e beni e servizi per adulti;
  • servizi finanziari e creditizi;
  • servizi di trasferimento di denaro;
  • servizi assicurativi;
  • servizi di streaming;
  • superalcolici;
  • articoli di gioielleria;
  • articoli di pellicceria;
  • acquisti presso gallerie d’arte e affini;
  • acquisti in club privati.
  • acquisti online
  • giochi

Leggi anche: INPS, quale sarà la pensione con uno stipendio di 1.000 euro?

E’ possibile anche ottenere dei contanti utilizzando la carta del reddito di cittadinanza. Il prelievo consentito al beneficiario singolo del reddito è pari a 100 euro attraverso gli sportelli bancomat presenti sul territorio. Questa cifra arriva fino al doppio circa nel caso di un nucleo familiare composto da quattro persone.