Bollo auto, scattano i controlli su queste auto: chi rischia

I controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate per quanto riguarda il bollo auto possono avvenire anche in questo caso

Bollo auto controlli Agenzia delle Entrate
Bollo auto (Foto Adobe)

Tra le tasse che gli italiani pagani più mal volentieri c’è sicuramente il bollo auto. Il bollo deve essere pagato ogni anno da tutti coloro che possiedono un veicolo iscritto al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) entro 12 mesi (+1 mese) dalla sua naturale scadenza. Questo significa che chi ha il bollo che scade il 31 dicembre avrà tempo fino al 31 gennaio per pagarlo.

In molti credono che una volta pagato il bollo si è al riparo dai controlli del Fisco ma in realtà non è esattamente così. I controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate non vengono infatti effettuati sono quando si ritarda nel pagamento della tassa ma anche in un altro caso. Vediamo qual è questo caso specifico.

Bollo auto, in questo caso si rischiano i controlli del Fisco

Bollo auto controlli Agenzia delle Entrate
Bollo auto (Foto Adobe)

I controlli dell’Agenzia delle Entrate scattano anche quando il bollo auto pagato risulta essere molto alto. In questo caso, infatti, il sospetto è che la vettura posseduta non corrisponda alle reali capacità reddituali del proprietario che potrebbe quindi essere un evasore fiscale. Il consiglio, quindi, è di acquistare un’autovettura in linea con la propria situazione economica.

Leggi anche: Rc auto, super offerta Poste italiane: cosa propone

Altri controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate scattano, inutile dirlo, quando il pagamento non viene effettuato entro la data di scadenza. A questo punto si pagheranno una mora e degli interessi che aumentano a seconda del ritardo del pagamento. L’incremento dell’imposta è dello 0,1% per ogni giorno di ritardo se si paga nei primi quattordici giorni. Si può arrivare anche a pagare una mora del 30% oltre che allo 0,5% degli interessi se si paga il bollo oltre un anno.

Leggi anche: Casello autostradale, e se ti ritrovi senza soldi alla sbarra?

Ricordiamo, infine, che per quanto riguarda la auto di prima immatricolazione, il bollo auto deve essere pagato entro la fine del mese in cui è stata targata. Se l’immatricolazione avviene negli ultimi dieci giorni del mese, il termine per il pagamento viene automaticamente spostato alla fine del mese successivo.