Canone Rai: chi rischia di trovare il doppio in bolletta

Il canone Rai torna in bolletta a partire da quelle relative ai primi mesi dell’anno. Esiste un caso in cui viene addebitato più di una volta

Canone Rai doppio
Pixabay

A partire dai primi mesi del 2022 torna il canone Rai. Sarà l’ultimo anno del pagamento in bolletta elettrica poi, dal 2023, ci sarà un cambiamento nelle modalità di pagamento. I primi pagamenti avverranno per le bollette della luce che fanno riferimento ai primi mesi dell’anno. Il canone è un tributo che va pagato per il possesso del televisore. Tuttavia, si paga una sola volta per un nucleo familiare anche se si posseggono più televisori.

Canone Rai, cosa fare nel caso di doppio addebito

Canone Rai doppio
Pixabay

L’imposta non è legata al numero dei televisori, basta averne uno per avere l’obbligo verso l’erario. Esiste il caso in cui, tuttavia, persone dello stesso nucleo familiare si sono ritrovati due canoni addebitati. E’ il caso di chi possiede due immobili e l’utenza elettrica è intestata a due componenti diversi del nucleo familiare, come ad esempio marito e moglie. La norma non cambia in questo caso, nel senso che il canone va pagato una sola volta per nucleo familiare, indipendentemente dal numero di televisori e immobili posseduti.

Leggi anche: “Carta bloccata”. Allarme Postepay, sta capitando a molti

Se si verifica, quindi, il caso del doppio pagamento in famiglia, si tratta di un errore che va corretto. E’ necessario compilare la dichiarazione sostitutiva che si trova sul portale dedicato al canone Rai. Nello specifico va compilato il Quadro B della dichiarazione indicando il codice fiscale da addebitare.

Leggi anche: Digitale terrestre: sparite le versioni HD di questi 3 canali

Inoltre, nel campo “data inizio” va indicata la data da cui decorre l’appartenenza alla stessa famiglia anagrafica dell’intestatario dell’utenza elettrica, come risultante dalla data dichiarata all’Anagrafe Comunale di riferimento; nel caso in cui sia avvenuta in una data antecedente al 1° gennaio dell’anno di presentazione, è possibile indicare il 1° gennaio dell’anno di presentazione.