Tari, quali sono i rischi del mancato pagamento?

Cosa succede se non si paga la Tari o se la si paga in ritardo? Ci sono varie tipologie di sanzioni che possono essere applicate

irpef
(pixabay)

La Tari è la tassa comunale sui rifiuti che deve essere pagata annualmente. L’importo, e le modalità di pagamento, sono dipendenti dal comune di appartenenza. La Tari, come anche l’Imu, sono le imposte comunali che fanno più “cassa”. E’ a discrezione del comune di residenza scegliere se i pagamenti sono in una o due soluzioni, e di conseguenza stabilire le date di pagamento.

Ma in alcuni casi la Tari non viene pagata perché il bollettino postale non è arrivato a casa. Cosa fare? Si può chiamare il numero verde del comune di residenza e chiedere spiegazioni, o provvedere al calcolo ed al pagamento della tassa online. Tutti i comuni italiani hanno questo servizio attivo.

Si ricorda che la Tari, come altre imposte, è soggetta a prescrizione: se il comune non invita il cittadino a pagare la tassa entro 5 anni poi non può più farlo.

Ma in altri casi la Tari può non essere pagata intenzionalmente. Cosa succede?

Quali sono le sanzioni per la Tari non pagata

debito tasse
(pixabay)

Se non si paga l’imposta sui rifiuti, il comune dà la possibilità, entro un certo lasso di tempo, di provvedere con il ravvedimento operoso. Esso consiste nel pagamento della tassa con aggiunta di more e sanzioni in versione ridotta. Ma solo entro un certo lasso di tempo.

Di solito la sanzione è pari al 30% dell’imposta o della tassa dovuta. Se il pagamento avviene dopo soli 10 giorni di ritardo, la sanzione verrà ridotta come segue:

  • riduzione alla metà poiché il pagamento è avvenuto entro 90 giorni, quindi da 30 euro si passa a 15;
  • riduzione di 1/15 poiché il pagamento è avvenuto entro 15 giorni, quindi da 15 euro si passa a 1 euro.

Leggi anche: Rc auto, cosa succede se non si possiede la copia a bordo?

Ma se la cifra non pagata supera i 30.000 euro è tutta un’altra faccenda. Si viene imputati per evasione fiscale e si rischia la detenzione.

Leggi anche: Bonus vacanze, si apre lo scontro tra Federalberghi e UNC

Se invece la somma non dovuta è inferiore a 30.000 euro, dopo un anno di arretrati si entra nell’illecito tributario, con sanzioni molto salate e provvedimento di esecuzione forzata, con il rischio di recupero coatto e pignoramenti.