Mediaworld sotto attacco, Black Friday a rischio

Se avete provato a fare shopping sul sito di Mediaworld in fase pre Black Friday e vi siete accorti che qualcosa non andava sappiate che non è colpa vostra è che non siete i soli: il colosso dell’elettronica è infatti stato colpito da un attacco hacker.

Virus informatico, di nuovo in azione gli hacker dell'attacco alla Regione Lazio
Pixabay

Alla vigilia del Black Friday gli hacker colpiscono il colosso Mediaworld e i negozi mandando in tilt i terminali e impedendo quindi gli acquisti a moltissime persone. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

La notizia si è  diffusa poche ore fa e i dettagli sono ancora poco chiari; quello che si sa è che ci sarebbe un gruppo chiamato Hive dietro i problemi riscontrati nei negozi della catena di elettronica di consumo. Sarebbe anche già stato chiesto un ricco riscatto.

Mediaworld, gli hacker bloccano tutto prima del Black Friday

Mediaworld festeggia gli Azzurri con sconti da veri campioni
Pixabay

L’attacco è stato sferrato alcuni giorni fa anche se si è saputo solo oggi e ha mandato in tilt i sistemi di tutti i negozi della catena internazionale che opera in Italia con i negozi a marchio Mediaworld. I servizi sono al momento molto rallentati con parecchi punti vendita soprattutto in Germania e in Olanda che lamentano l’impossibilità di poter procedere agli acquisti in cassa e a gestire l’assistenza ai clienti.

Ma se all’inizio si parlava soltanto di un blocco con un’azione mirata ai terminali adesso sappiamo che il gruppo Ransomware Hive è il responsabile dell’attacco e avrebbe già chiesto un riscatto alla società madre MediaMarktSaturn Retail Group pari a 50 milioni di dollari in criptovaluta. In Italia ad occuparsi delle indagini al momento c’è la polizia postale di Milano.

Per ora la situazione in questi due Paesi non sembra destinata a risolversi rapidamente mentre in Italia i problemi sono circoscritti alle azioni che i terminali dei punti vendita devono fare quando dialogano attraverso alcuni gestionali che si basano proprio sui collegamenti internazionali tra le sedi.

Leggi anche: Rischio tumore alla gola dietro questo fastidio banale

In particolare è stata riportata l’esperienza in un punto vendita di Milano che ha subito pesanti rallentamenti. L’attacco è quindi di tipo ransomware e gli hacker responsabili attendono ora di ricevere quanto chiesto per liberare i dati che sono stati criptati.

Leggi anche: Bancomat, nuovo allarme: così ti clonano la carta durante il prelievo

Questo ennesimo attacco ad una multinazionale ci fa per forza venire in mente quanto già successo anche in Italia e ci ricorda, ancora una volta, che tutti dobbiamo tenere gli occhi aperti soprattutto quando navighiamo in rete o controlliamo la posta. E’ infatti possibile che esattamente come successo con l’attacco alla Regione Lazio di qualche mese fa, anche stavolta l’attacco sia stato possibile per una piccola e semplice svista.