Una nuova ricerca inglese svela altissime concentrazioni di zucchero negli yogurt per bambini

Prodotti spesso pubblicizzati come sani e con innumerevoli proprietà benefiche per i più piccoli, e che invece al loro interno contengono quantità di zucchero tali da far lanciare l’allarme dell’associazione inglese

Getty Images

La Action on Sugar è un’iniziativa civica inglese il cui scopo è quello di aiutare la popolazione a riconoscere ed evitare gli alimenti considerati poco sani.

Una delle sue ultime ricerche, completata nel maggio 2021, pone l’attenzione sugli yogurt per bambini, consumati giornalmente da milioni di persone in tutto il mondo. Nell’analisi, che è stata condotta su una parte della popolazione infantile britannica, emerge come tantissimi di questi yogurt commerciali contengano al loro interno quantità altissime di zucchero. Nonostante le numerose diciture sulle confezioni, che spesso parlano di proprietà benefiche per chi consuma il prodotto, questi yogurt sono pericolosissimi per la salute dei più piccoli. I numeri di questa ricerca parlano chiaro: degli yogurt analizzati, tenendo anche in considerazione il packaging e dunque il tipo di pubblicità con cui si vuole sedurre il bambino consumatore, soltanto il 5 per cento di questi aveva dei livelli di zucchero considerati accettabili e dunque non altamente nocivi per la salute. Riscontrate in questi prodotti anche delle altissime concentrazioni di grassi saturi.

Uno dei peggiori yogurt rilevati dal report è quello prodotto dalla Nestlè. Su una singola porzione di prodotto infatti, i ricercatori hanno individuati 22 grammi di zucchero. Una dose altissima, che corrisponde all’incirca a 5 cucchiai. Non dobbiamo dimenticare che si parla di una tipologia di prodotti che nella maggior parte dei casi vengono presentati al consumatore, e in questo caso parliamo di bambini, come sani, in grado di aiutarlo a migliorare la sua alimentazione. 

Leggi anche: Il Presidente di Federalimentari ha criticato la Sugar Tax approvata dal governo

Leggi anche: Caffè in capsule, uno studio conferma la dannosità del prodotto