Decreto Sostegni bis, in arrivo 300 milioni di euro per gli incentivi auto

In arrivo ben 300 milioni di euro dal Decreto Sostegni bis che saranno utilizzati per gli incentivi auto. Andiamo a scoprire quali sono le novità in vista.

Bonus Decreto Sostegni
Banconote (Pixabay)

L’Italia sta vivendo un periodo di grave difficoltà a causa della crisi economica strettamente legata a all’emergenza sanitaria provocata dal Covid. Migliaia di attività sono state costrette a chiudere i battenti e le famiglie oggi più che mai hanno difficoltà ad arrivare a fine mese. Proprio per aiutare i cittadini in sofferenza economica il Governo sta studiando le nuove misure da adottare per il Decreto Sostegni Bis.

Si tratta di uno strumento di grande importanza per consentire la tanto attesa ripartenza dell’economia del nostro paese. Il Decreto Sostegni Bis contiene una serie di importanti bonus a sostegno degli italiani. Comprensibilmente i principali riguardano quei settori maggiormente colpiti dalla crisi economica. In arrivo ben 300 milioni di euro che potranno essere sfruttati quali incentivi auto. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Leggi anche: Lotto e SuperEnalotto, puntate su questi numeri: sono i migliori

Decreto Sostegni bis: 300 milioni per incentivi auto

bollo auto
Foto Pixabay

Uno degli emendamenti riformulati al Decreto Sostegni bis sui quali si deciderà in commissione Bilancio alla Camera è stata inserita la proposta di modifica che prevede un rifinanziamento da 300 milioni di euro.

Di questi 50 milioni saranno utilizzabili per le auto ibride ed elettriche, comprese tra 0 e 60 grammi di Co2 al km, 200 milioni per euro 6 benzina o diesel comprese tra 61 e 135 grammi di CO2 al k  e altri 50 milioni per i veicoli commerciali.

Leggi anche: Titanic, è possibile visitarlo. Quanto costa l’escursione in fondo all’Atlantico

Un importante strumento questo voluto dal Governo che se dovesse essere applicato concretamente, aiuterebbe in maniera concreta e sensibile un altro dei settori in grave difficoltà ovvero quello dell’industria automobilistica che da tempo ristagna a causa dell’emergenza economica.