Antizanzare, attenti a questi codici nelle etichette: sono nocivi

Antizanzare: con l’arrivo dell’estate cresce l’insidia rappresentata dalle zanzare. Attenzione ai prodotti di protezione che si utilizzano

Antizanzare
Pixabay

L’arrivo dell’estate rappresenta un fastidio per milioni di italiani che non sopportano la presenza di tantissimi insetti. Che si avvertono maggiormente sia nelle abitazioni che si trovano nelle periferie. Il più odiato degli ospiti che arrivano nella bella stagione è di sicuro la zanzara. Che approfitta dei momenti di distrazione o di quelli notturni per procurare bruciore e prurito sulla pelle.

Uno dei prodotti più utilizzati in questo periodo, soprattutto nelle calde serate che già da qualche giorno stanno tormentando gli italiani, è quello dei repellenti per gli insetti, in particolar modo gli antizanzare che in questi mesi non possono mancare nelle nostre casa, soprattutto in occasione di cene ed occasioni.

Se non si vuole rovinare una serata conviene sempre fare scorta di questo prodotto miracoloso che allontana gli ospiti inattesi ed odiati. Ma bisogna fare molta attenzione perché purtroppo in commercio ci sono anche prodotti che potrebbero rivelarsi pericoloso per la salute.

Antizanzare, attenzione a questi prodotti

Antizanzare
Pixabay

Per questo motivo bisogna fare molta attenzione ai prodotti che si acquistano, in particolar modo se si tratta di antizanzare. La Comunità Europea ha da anni avviato una procedura che certifica i prodotti utilizzabili che non possano avere dei rischi per la salute. La classificazione dei pericoli alla salute a causa dei pesticidi, è distinta in pericoli fisici pericoli per la salute e pericoli per l’ambiente.

Diversi i codici che possono indicare il pericolo. Per esempio non si devono sottovalutare quelli che iniziano con la lettera H. Che indica per esempio pericolo fisico ma anche pericolo per la salute o l’ambiente. I codici con lettera P indicano invece prudenza.

Leggi anche:Atti discriminatori contro residenti stranieri, il Tribunale di Torino condanna la giunta regionale 2018 della Valle D’Aosta

Leggi anche: Bancomat, prelevare ora diventa più caro: i dettagli

Il livello di prudenza va da quello generale alla prevenzione alla reazione fino alla conservazione e smaltimento. Quando si utilizzano questi prodotti si consiglia la massima attenzione anche ai simboli che possono per esempio indicare rischio infiammabile o segnalare altre criticità.