Cartelle esattoriali, come ottenere lo sgravio sugli interessi

E’ possibile sgravare gli interessi di una cartella esattoriale in maniera legale. Essi cadono in prescrizione dopo 5 anni

tasse
(pixabay)

Le pendenze con il fisco sono un problema particolarmente sentito in questo momento storico di forte crisi economica. I contribuenti che non riescono a pagare le cartelle esattoriali entro le scadenze, possono incorrere in sanzioni ed interessi.

Ma la legge prevede delle prescrizioni differenti sulle cartelle e sugli interessi. Prima di elencare le soluzioni legali per pagare meno i tributi dovuti, è bene specificare le varie voci di cui è composta una cartella esattoriale:

  • il capitale. Può essere costituito da imposte (ad esempio Irpef, Imu, ecc.) o da sanzioni amministrative come multe stradali, protesto di assegni, ecc. o penali;
  • gli interessi. Essi sono applicati in base percentuale sul capitale;
  • le sanzioni. Sono applicate in base percentuale sul capitale solo nel caso di cartelle dovute a imposte. Nel caso delle multe stradali, invece, si applica un tasso di interesse del 10% ogni sei mesi;
  • gli oneri di riscossione. La percentuale dovuta all’Esattore per la sua attività.

Per le prescrizioni esistono delle distinzioni. La voce “capitale” della cartella, quando si riferisce a Iva, Irpef, Irap, Ires, Imposta di registro, ipotecaria, di bollo, canone Rai, contributi alle camere di commercio, cade in prescrizione dopo 10 anni.

Le sanzioni amministrative non vanno più pagate dopo 5 anni. Il bollo stradale dopo 3.

Leggi anche: Fisco, si ipotizza scadenza quinquennale per le cartelle esattoriali

Le prescrizioni sugli interessi

tasse
(pixabay)

Le prescrizioni su interessi e sanzioni, cadono in prescrizione dopo 5 anni. Quindi, se si tratta di interessi sulle imposte statali, che hanno scadenza 10 anni, dopo il quinto anno non devono essere più pagati.

Ma questo meccanismo non è automatico. Per accedere allo sgravio parziale della cartella è necessario contattare l’Agenzia delle Entrate ed avviare un ricorso in autotutela. Se esso non dovesse avere effetto, si può ricorrere al giudice tributario.

Leggi anche: Bollo auto 2020, la Regione rimborsa la tassa agli agenti. Ecco…

Nel caso in cui si intenda avviare questo procedimento è consigliabile farsi supportare da un professionista o da un patronato.