Dl Sostegni, Bitonci (Lega) chiede al governo un anno di pace fiscale

Massimo Bitonci chiede un anno di pace fiscale che dia respiro alle imprese e ai lavoratori autonomi.

Cartelle esattoriali
Pixabay

In attesa che l’Unione Europea approvi la maggior parte delle novità introdotte dal Decreto Sostegni bis, vari esponenti della politica italiana chiedono ad alta voce un anno bianco e di pace fiscale.

A sostenere fermamente la necessità di istituire un anno bianco e di pace fiscale è Massimo Bitonci, capogruppo Lega in commissione Bilancio della Camera e capo dipartimento per le Attività produttive del partito.

Leggi anche: Cashback, scattano i controlli anti-furbetti: cosa succederà

Un anno di pace fiscale, la richiesta di Massimo Bitonci

Pace fiscale
Pixabay

Per Massimo Bitonci è infatti necessario un anno bianco e di pace fiscale, in quanto i rappresentanti delle associazioni dei commercianti e degli artigiani, in audizione alla Camera dei deputati, hanno confermato la necessità di intervenire sul carico fiscale e tributario pregresso.

Il carico fiscale e tributario pregresso pesa infatti come un macigno sugli operatori economici, anche per le ripetute sospensioni e proroghe dei versamenti dovuti, oltre che per effetto della perdita di incassi causata dalla chiusura forzata stabilita da decreti amministrativi o decreti-legge.

Leggi anche: Vodafone alletta i clienti con la Special 100 Digital Edition

Per il capogruppo Lega in commissione Bilancio della Camera e capo dipartimento per le Attività produttive del partito serve un patto “con e per” le imprese, che quantifichi quanto dovuto, sospeso e/o non pagato da imprese e Partite Iva a causa della pandemia, “congeli” questa somma e, alla proclamazione della fine dello stato d’emergenza, riprenda la riscossione in maniera graduale – senza sanzioni o interessi -, rateizzata in un tempo congruo e tale da rappresentare per gli operatori una vera e propria boccata d’ossigeno.