Maneskin, vincitori indiscussi anche sui social secondo Tim Data Room

I Maneskin non hanno infiammato solo il palco di Sanremo: la giovane band, come riportato da Tim Data Room, ha fatto impazzire anche i social.

Maneskin Tim
Foto dal profilo Facebook ufficiale

Il pubblico li ha incoronati vincitori assoluti della settantunesima edizione del Festival di Sanremo. I Maneskin si sono aggiudicati il primo posto del podio, ma non solo. Nei giorni dell’esibizione musicale più famosa d’Italia sono stati i concorrenti più citati sui social.

Secondo quanto riportato da Tim Data Room, questa edizione di Sanremo è stata la più social di tutti i tempi. Facile intuire il perché: il pubblico è sempre più dentro le logiche dei social network sites soprattutto in un periodo segnato dalle chiusure serali. Rimane il fatto, però, che nella quinta giornata sono stati pubblicati oltre 1 milione di tweet con l’hashtag #Sanremo2021.

L’annuncio della vittoria dei Maneskin ha generato la bellezza di 6 mila tweet in un minuto. Altri picchi da record si sono avuti dopo la performance di Madame vestita da sposa e alla lettura sul palco della classifica finale. Entrambe le occasioni sono state accolte con oltre 5 mila tweet in un minuto.

Leggi anche: Sanremo, Fedez risponde al Codacons: “È mia moglie, cosa vi aspettavate?”

Maneskin, Tim Data Room li incorona vincitori anche sui social

Maneskin Tim
Foto dal profilo Facebook ufficiale

I Maneskin sono stati tra più citati anche per il loro outfit. I completi della serata finale hanno generato oltre 12 mila tweet. Tra i più discussi ci sono anche quelli di Achille Lauro, Orietta Berti, Bugo e Madame.

Leggi anche: Sanremo, il Codacons attacca di nuovo Fedez: il motivo

In conclusione, la giovane band può essere incoronata vincitrice anche sui social con le 130 mila citazioni che la riguardano. A seguirla in questa classifica smart ci sono Michelin e Fedez con 41 mila tweet, Irama con 28 mila, Ermal Meta con 27 mila e Madame con 26 mila. Una classifica che letta così richiama molto anche quella dell’Ariston.