Offerte di lavoro, Bauli ricerca personale per un nuovo stabilimento

Offerte di lavoro per 21 posizioni tra addetti alla produzione, manutentori, magazzinieri e impiegati per il nuovo stabilimento Bauli.

Offerte di lavoro
Pixabay

La collaborazione tra Bauli e Alpipan – azienda controllata  all’80% dal gruppo alimentare veronese – si è tradotta in 21 nuovi posti di lavoro. Le risorse sono necessarie per avviare il nuovo stabilimento gluten free di Altopascio.

Il progetto avrà un forte impatto positivo a livello locale dal punto di vista occupazionale e dell’indotto. Per avviare il nuovo stabilimento, infatti, si procederà con l’assunzione di 21 persone tra addetti alla produzione, manutentori, magazzinieri e impiegati.

Tali risorse consentiranno all’azienda lucchese di crescere e arrivare all’apertura con un team qualificato e formato. Queste assunzioni vanno ad aggiungersi all’organico di dipendenti, aumentato di quasi il 7% nel corso del 2020. La società presta molta attenzione alla parità di genere. Le donne, infatti, rappresentano il 59% dei dipendenti, anche nei ruoli direttivi.

Leggi anche: Offerte di lavoro, Mediaworld: assunzioni aperte in tutt’Italia

Offerte di lavoro, il nuovo stabilimento Bauli

Offerte di lavoro
Pixabay

Pierluigi Rumbo, amministratore delegato Alpipan, ha dichiarato “La Lucchesia rappresenta per noi un luogo strategico siamo in una posizione baricentrica dal punto di vista logistico“. Questo gli permette di distribuire in modo efficace i loro prodotti su tutto il territorio nazionale e all’estero. Grazie alla vicinanza con i porti di Livorno e La Spezia si procede agevolmente con le spedizioni Oltreoceano. Ha poi concluso: “Quest’area ha una grande tradizione manifatturiera con un’ampia disponibilità di manodopera qualificata”.

Leggi anche: Fisco, Corte dei Conti chiede al governo di rivedere alcuni bonus: ecco quali

Della stessa opinione è anche Alberto Gori, direttore operativo Alpipan:”Da anni eravamo alla ricerca di nuovi spazi per incrementare la nostra capacità produttiva“. È arrivata così la decisione di aprire il nuovo stabilimento in un edificio industriale con esigenza di: “revamping edilizio, che, una volta completato, ci permetterà di installare nuove linee produttive”.