Decreto Ristori, DL sostegno è il nuovo nome: nuovi aiuti economici per i cittadini

Il Decreto Ristori 5 cambia nome. Il DL Sostegno ancora al varo prevede nuovi sostegni e slittamenti delle cartelle esattoriali.

tasse
(pixabay)

Niente Decreto Ristori 5. I precedenti Decreti non verranno aggiornati. Il nuovo Governo Draghi cambia nome al Decreto nominandolo DL Sostegno, mettendo in evidenza una cesura con il precedente esecutivo.

Il Dl Sostegno comprende circa 30 misure per intervenire alla situazione di crisi e disoccupazione causata dalla pandemia. E’ prevista l’erogazione di 32 miliardi di euro richiesti dal Parlamento e approvati dalla Comunità Europea.

E’ da specificare che il nuovo testo è ancora al vaglio, si attende la firma definitiva del Ministro delle Finanze entro la settimana.

Leggi anche: Decreto Ristori, al suo posto arriva il decreto Sostegno

DL Sostegno, cosa cambia con il nuovo decreto

disoccupazione
(pixabay)

Molti ristoratori ed aziende potranno tirare un sospiro di sollievo. Le cartelle esattoriali , la cui proroga sarebbe scaduta ieri, per il momento restano in sospeso. Il nuovo DL, a cui probabilmente ne seguiranno altri, prevede un ulteriore slittamento di due mesi per invio delle cartelle esattoriali.

Il totale del debito dovuto all’Agenzia delle Entrate ammonterebbe a più di 50 miliardi di euro, sufficienti per far mancare l’ossigeno a tutte le imprese coinvolte. L’invio delle cartelle esattoriali da oggi avrebbe comportato l’inevitabile “canto del cigno” per molte attività in lieve ripresa ma ancora in crisi.

La prima novità è che le sovvenzioni per le imprese non avverranno più in base ai codici Ateco, ma a partire dalle reali perdite subite dalle aziende, previa opportuna certificazione.

Ulteriori sostegni dovrebbero arrivare per la cassa integrazione a favore di tutti i lavoratori che al momento sono disoccupati o che lavorano con orario ridotto causa pandemia.

Leggi anche: Cartelle esattoriali, stanno per ricominciare le notifiche: la data

Questo è quanto è stato ufficialmente dichiarato dal capo del Governo in conferenza stampa. Ciò che accadrà realmente dipende ancora da troppe variabili. Si rimane in attesa, con la fiducia che le difficoltà verranno sbrogliate presto.