Banche a rischio e tempi duri mettono a rischio i tuoi risparmi. Leggi come tutelarti.

A partire dal primo gennaio 2021 sono entrate in vigore una serie di norme che riguardano il conto corrente.

Con il nuovo anno sono arrivate anche diverse leggi – non tutte a favore dei consumatori – che concernono il conto corrente. Nello specifico, le modifiche riguardano la sicurezza dell’operatività, le eventuali commissioni al momento del prelievo e la disponibilità della liquidità.

Inoltre, si dovrà stare attenti a non adottare tre comportamenti considerati a rischio. Ecco cosa fare per evitare di avere problemi con il conto corrente.

Conto Corrente: le tre cose da non fare

Di seguito tre azioni da compiere per mettere al sicuro i tuoi risparmi.

1. Per prima cosa dal primo gennaio è entrata in vigore la normativa europea PSD2. Quest’ultima ha come scopo principale quello di garantire maggiore sicurezza al correntista. In questo modo si prevede di ridurre al minimo gli attacchi hacker e i conseguenti accessi abusivi sul conto e gli usi illeciti di carte di credito e debito.

Leggi anche: Conto Corrente, controlli del Fisco senza autorizzazione

Questo significa che per effettuare i pagamenti online si richiederà un’autenticazione a doppio fattore. È il caso ad esempio di una password e di un’impronta digitale. Il problema è che se l’accesso dovesse essere negato si rischia il blocco del conto.

2. Altra novità è che molto presto potrebbe diventare un disagio prelevare agli sportelli automatici di banche diverse dalla propria. Se infatti fino ad oggi si conoscevano a priori i costi delle commissioni, con la nuova normativa potrebbero essere svelate soltanto pochi secondi prima del prelievo. Il consiglio è dunque quello di evitare di prelevare da sportelli ATM che non siano del proprio Istituto di credito.

3. L’Autorità Bancaria Europea (EBA), ha varato una norma che impedisce gli addebiti automatici (RID) sul conto se manca la liquidità necessaria. Se questo inconveniente si presenta per tre volte, il conto potrebbe essere bloccato anche per soli 100 euro in rosso.

Adottando questi accorgimenti si limita il rischio che malintenzionati possano farci svegliare con l’incubo del conto svuotato.