Risparmio bolletta luce: ecco come ottenerlo

Risparmio bolletta luce: ecco alcuni ‘segreti’ per leggere al meglio un’utenza e ottenere uno sconto. Una situazione che potrebbe farvi risparmiare un bel po’ di soldi. 

Cartelle esattoriali
Pixabay

Pagare le utenze è un dovere, tuttavia è anche giusto e necessario saper controllare le proprio bollette e ottenere uno sconto lì dove sia possibile. Per farlo bisogna innanzitutto saper leggere i documenti che puntualmente ci arrivano nella posta fisica ed elettronica. Un qualcosa di apparentemente proibitivo o quasi ma che in realtà, grazie anche alle modifiche apportate pro-consumatori, sta diventando di volta in volta sempre più semplice.

Leggi anche: Bonus Cashback, come ricevere il rimborso senza acquisti

Risparmio bolletta luce: i requisiti fondamentali 

Equitalia
Pixabay

Detto questo, sono soprattutto due le voci da controllare: la tariffa vigente e la potenza di cui si usufruisce. Due elementi centrali in questo discorso economico. Tra le varie opzioni elencate, poi, troverete anche la spesa per la materia energetica che corrisponde al prezzo effettivo per l’energia elettrica e questo varia da fornitore in fornitore.

C’è inoltre il costo per il trasporto dell’energia elettrica e la gestione del contatore, il quale corrisponde all’addebito per il trasporto della corrente dal luogo di partenza alla vostra sede. Inevitabile, infine, anche l’Iva più imposte che il fornitore richiede poiché dovrà versare un sostanzioso riconoscimento allo Stato.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, bonus pericolosi: si rischia il sussidio

Tutte queste sono informazioni preziose e necessarie per comprendere al meglio come funziona il sistema di pagamento e come ottenere uno sconto in proiezione futura. Conoscere questi requisiti, infatti, vi permetterà di intravedere un vantaggio effettivo in caso di chiamata di un call center o semplicemente confrontando la propria bolletta con quella di una vicina o un parente.