Truffa telefonica, si fingeva un operatore bancario e riusciva a convincere le sue vittime a farsi consegnare i codici di accesso ai loro conti correnti. 

Si fingeva un operatore di sicurezza bancaria per un importante istituto di credito. In questo modo, riusciva a conquistare in poco tempo la fiducia delle sue potenziali vittime.

Le contattava per telefono e riusciva con un certa facilità a convincerle a farsi consegnare i codici di sicurezza necessari ad accedere ai loro conti correnti, che puntualmente una volta chiusa la conversazione, andava a svuotare. 

Leggi anche: Truffa Telegram, il nuovo raggiro estorce soldi agli utenti europei

Truffa telefonica, denunciato dopo la segnalazione di una donna di Sirzano

Pixabay

Fino a quando non ha rubato con questo metodo 2.200 euro a una donna di 59 anni del comune di Sirzano che si era fatta ingannare da questa truffa telefonica, e si era in seguito convinta a consegnare i codici del suo deposito bancario.

In seguito però, dopo essersi resa conto della truffa subita, la donna ha deciso di sporgere denuncia contro ignoti. Le successive indagini hanno portato i carabinieri a scoprire le attività criminale di questo 28enne di origini rumene. L’uomo vive a Roma ed è stato adesso denunciato per truffa. 

Leggi anche: Truffa medici: nuova trappola per derubare gli anziani

WhatsApp, segnalata una nuova truffa

Una nuova truffa è stata segnalata su WhatsApp. Una notizia che conferma come la piattaforma sia sempre più il bersaglio preferito degli hacker, visto il numero di persone che ogni giorno utilizzano l’applicazione di messaggistica.

Nelle ultime settimane infatti, diversi utenti hanno segnalato ai principali operatori telefonici, l’esistenza di una truffa che tramite un link inviato su WhatsApp, consente di rubare intero il credito telefonico presente sul telefono.