Pixabay

Una ricerca dell’Istat ha evidenziato come al momento tantissime imprese non abbiano ancora riaperto e potrebbero decidere di non farlo più. 

Che la pandemia di coronavirus che sta mettendo in ginocchio il mondo intero abbia scatenato una crisi economica senza precedenti, è qualcosa che ormai possiamo semplicemente constatare e accettare.

E purtroppo alcune rilevazioni pubblicate in un rapporto Istat denominato “Situazione e prospettive delle imprese nell’emergenza sanitaria Covid-19”, lasciano presagire uno scenario per il nostro paese tutt’altro che confortante.

Attualmente infatti, circa 73 mila imprese sul territorio nazionale sono chiuse a causa delle misure restrittive imposte dal governo o per una scelta dettata dal fatto di non riuscire più a sostenere le spese fisse a causa del crollo del fatturato. E nel sondaggio condotto dall’Istituto, viene evidenziato come 17mila di queste, al momento non prevedono più di riaprire. 

Leggi anche: Assegno unico, direttore Istat: “Destinato all’80 per cento delle famiglie”

Istat, molte imprese potrebbero non riaprire: a rischio migliaia di posti di lavoro

Pixabay

Dati poco rassicuranti che, secondo i calcoli Istat, incideranno sul 4 per cento totale dell’occupazione del nostro paese.

Continuano dunque ad essere a rischio tantissimi posti di lavoro. Certo, il governo sta facendo di tutto per provare a sostenere le aziende sul territorio, e nella prossima settimana dovrebbe essere varato un nuovo Decreto Ristori. Il quinto in poco più di un mese e mezzo, un numero che ben testimonia quanto grave sia l’emergenza economica e sanitaria che stiamo vivendo.

Leggi anche: Decreto Ristori Quinto, un bonus per le Partite Iva: i dettagli

Diverse le ipotesi attualmente sul tavolo del governo, con alcune indiscrezioni che parlano di una nuova indennità da destinare a lavoratori autonomi e Partite Iva che possono dimostrare di essere stati danneggiati dalla crisi innescata dalla pandemia.