Ragusa, neonato ritrovato abbandonato nella spazzatura

Ragusa, neonato ritrovato abbandonato nella spazzatura. Lo ha scoperto un uomo che passava per caso da quella via e lo ha sentito piangere.

Un neonato è stato ritrovato abbandonato nella spazzatura in una via della città di Ragusa. Aveva ancora il cordone ombelicale ancora attaccato, segno inequivocabile che il bimbo fosse nato da pochissime ore.

È stato salvato da una persona che passava da quelle e che ha iniziato a un certo punto a sentire dei lamenti vicino a un bidone dell’immondizia. Avvicinatosi per capire meglio di cosa si trattasse, ha così scoperto che quello era il pianto di un neonato avvolto in mezzo ai rifiuti da una coperta e una busta di plastica. A quel punto l’uomo ha immediatamente avvisato il 118 che si è recato sul luogo e trasportato il bambino in ospedale per condurre tutti gli accertamente necessari. Il bimbo si trova al momento, a scopo precauzionale, nel reparto di terapia intensiva. 

Leggi anche: Codacons, esposto contro nuovo singolo di Baby K e Chiara Ferragni

Ragusa, neonato abbandonato nella spazzatura: le sue condizioni non sono gravi

Pixabay

Per fortuna le sue condizioni non sembrano gravi e i medici hanno sottolineato che si è trattato anche di fortuna. Se fosse rimasto in quel luogo un paio di ore in più, forse non ce l’avrebbe fatta motivo per cui, il tempismo della persona che lo ha ritrovato gli ha con molta probabilità salvato la vita.

E adesso, le forze dell’ordine sono al lavoro individuare il responsabile di un gesto così atroce. Nessuna ipotesi viene al momento esclusa dagli inquirenti. Si ipotizza anche che il parto possa essere avvenuta anche molto lontano dal luogo del ritrovamento, e che il neonato sia stato lasciato in seguiti in mezzo alla spazzatura in macchina. Un modo per evitare che il colpevole venga rintracciato. Per quanto riguarda il destino di questo povero bambino, abbandonato tra i rifiuti a poche ore dalla sua nascita, la decisione spetta adesso al Tribunale dei Minori.

Leggi anche: Didattica a Distanza, 300 mila studenti senza connessione internet

Impostazioni privacy