Coronavirus, Ue: Bce pronta a stanziare nuovi aiuti economici

Coronavirus, Ue: Bce pronta a stanziare nuovi aiuti economici. E le recenti parole della Lagarde sembrano confermare questa ipotesi.

La Bce sarebbe sul punto di stanziare dei nuovi aiuti economici che possano aiutare l’Unione Europea a uscire dalla crisi economica scatenata dal coronavirus. Questa quantomeno, la previsione fatta da alcuni economisti che hanno partecipato a un sondaggio sul tema condotto da Bloomberg.

L’ipotesi principale è che questo possa avvenire mediante un nuovo acquisto di bond per un valore pari a 500 miliardi di euro. Una mossa per stimolare l’economia del vecchio continente almeno fino alla fine del 2021. Una situazione che riporta inevitabilmente alla nostra memoria il celebre “Whatever it takes” pronunciato dall’ex governatore della Banca Centrale Europea Mario Draghi durante la crisi finanziaria del 2008.

Leggi anche: Recovery Fund, Stati Ue non trovano accordo: potrebbe slittare ancora

Bce, le dichiarazioni della Presidentessa Christine Lagarde

Pixabay

Un programma di aiuti di questa portata non sarebbe infatti per nulla dissimile al Quantitative Easing con cui la Bce riuscì a non far sprofondare l’Europa in una crisi ancora peggiore. Anche perché, se davvero gli economisti interpellati da Bloomberg avessero ragione, questo significherebbe che Christine Lagarde, attuale presidente della Bce, sia disposta a stanziare delle risorse che sono più del doppio di quelle che aveva annunciato a Marzo in piena pandemia.

Ma d’altronde, è stata proprio l’ex direttrice del Fondo Monetario Internazionale ad ammettere di recente che nessuno nei vertici Ue si aspettavano una risalita dei contagi così repentina e dunque una nuova fase di crisi dell’economia europea. Dichiarazioni che dunque sembrano confermare che ci sarà bisogno di una risposta diversa rispetto a quella prevista fino ad adesso, che permetta alle imprese europee di non collassare sotto le conseguenze di un nuovo lockdown.

Leggi anche: Coronavirus, la Presidentessa della Commissione Ue in isolamento