Se vuoi risparmiare, evitare di usare questo elettrodomestico

La crisi energetica in atto obbliga a ridurre tutti i consumi a partire dall’uso frequente di elettrodomestici energivori come forno elettrico e lavatrice. Ecco perché

Forno elettrico consumatore.com 20221123
Forno elettrico (Foto AdobeStock)

Con la crisi energetica in corso per i consumatori italiani diventa fondamentale cambiare i comportamenti non virtuoso e ridurre al massimo gli sprechi. I dati, in tal senso, non ammettono repliche. Il costo del gas a metro cubo è passato dai 0,879 euro di gennaio all’1,09 euro di novembre. Un aumento netto del 25%.

Non va meglio per il costo della luce passata da 0,297 euro al kWh di inizio 2022 ai 0,661 dell’ultimo report ufficiale dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, in acronimo ARERA. Qui l’aumento è palesemente più marcato. E le prospettive nonostante l’intervento massiccio del Governo Meloni nella manovra finanziaria non fanno pensare all’arrivo del bel tempo.

Occhio a usare troppo il forno elettrico: ecco perché

LEGGI ANCHE: Lidl, questo elettrodomestico costa un terzo e ti fa fare bella figura

LEGGI ANCHE: Vuoi scoprire come risparmiare in 5 mosse: molto facile

Come detto diventa decisivo ridurre sprechi e consumi non primari a partire dall’uso frequente degli elettrodomestici cosiddetti energivori, quelli ossia che per il funzionamento normale anche nella fasce di minor consumo “succhiano” quantità abnormi di energia.

Pensiamo in particolare ad elettrodomestici come la lavatrice ed il frigorifero ma anche a oggetti insospettabili come il forno elettrico. Il forno elettrico, infatti, è un elettrodomestico energivoro che spesso viene sottovalutato.

Ma i suoi consumi sono potenti. Un esempio pratico, fare un cibo al cartoccio richiede un’ora di cottura, consumo medio 1,31 kWh spesa circa 0,301 euro. Per non tacere di cibi che hanno bisogno di tempi di cottura superiore.

Ma la soluzione c’è ed è insita in un altro elettrodomestico insospettabile, la friggitrice ad aria che per le cotture medie e corte può rappresentare una valida alternativa. L’esempio pratico arriva dallo stesso cibo al cartoccio indicato in precedenza.

In quel caso la stessa cottura fatta con la friggitrice ad aria necessita di soli 35 minuti di tempo, quindi un consumo di 0,13 euro, un terzo in meno. Questi dati vengono certificati da noto programma dedicato ai consumatori della BBC, Radio Sliced Bread e a nostro avviso vanno tenuti in grande considerazione. Ovviamente non tutti i cibi possono essere cotti nella friggitrice ad aria, ma moltissimi sì