Se hai scaricato queste app sul tuo smartphone, eliminale subito

Google vieta altre quattro app Android: se le avete scaricate, adesso è il momento di eliminarle subito dallo smartphone.

app malware quali sono
foto Adobe

Gli utenti Android devono verificare urgentemente se hanno scaricato una serie di app pericolose che sono riuscite a intrufolarsi nel Google Play Store. L’allarme per la sicurezza è stato lanciato dagli esperti di sicurezza di Malwarebytes. I numeri sono davvero preoccupanti, perché si supera il milione di download.

Stando a quanto si è appreso, queste app erano in realtà un pericoloso software caricato con malware che indirizzava utenti ignari a siti Web di phishing progettati per rubare dati personali sensibili. Per fortuna, le quattro app sono state rimosse dal Google Play Store, ma se le hai scaricate, è il momento giusto per eliminarle senza indugiare.

Quali sono le app pericolose per il tuo smartphone

attenzione malware
foto Adobe

Le app incriminate sono state tutte rilasciate da uno sviluppatore chiamato ‘Mobile apps Group‘ il cui sito ufficiale – al momento – non è più accessibile. Un modo in cui queste app sono riuscite a evitare di essere rilevate dai sistemi di sicurezza Android è ritardare l’implementazione di comportamenti dannosi.

Per i primi giorni dopo l’installazione di queste app sembra che nulla sia spiacevole, ma poi i siti Web di phishing e spam iniziano a comparire sul dispositivo della vittima. Con il passare del tempo le pagine diventano più insidiose. L’app dannosa – spiegano gli esperti – apre siti di phishing in Chrome.

Leggi anche: I saldi del Black Friday di Lidl: tutti pazzi per il basso costo

“Il contenuto dei siti di phishing varia: alcuni sono siti innocui utilizzati semplicemente per produrre pay-per-click e altri sono siti di phishing più pericolosi che tentano di ingannare utenti ignari”, si legge nella nota diffusa da Malwarebytes. Tra queste app, la più famosa è Bluetooth Auto Connect, rilasciata nell’ottobre 2020 e scaricata oltre un milione di volte. Le altre app incriminate erano Bluetooth App Sender, Mobile transfer: smart switch e Driver: Bluetooth, Wi-Fi, USB.

Leggi anche: Bonus 200 euro in pagamento per questi lavoratori: c’è la data

Le schede di Chrome vengono aperte in background anche quando il dispositivo mobile è bloccato. Quando l’utente sblocca il proprio dispositivo, Chrome si apre con il sito più recente. Inoltre, la cronologia del browser degli utenti sarà anche un lungo elenco di cattivi siti di phishing, concludono gli esperti. Ora è il momento di procedere alla disinstallazione: apri l’app Google Play Stor e in alto a destra, tocca l’icona del profilo; tocca Gestisci app e dispositivi, quini tocca il nome dell’app che desideri eliminare e infine Disinstalla.