Digitale terrestre, rivoluzione Mediaset: cosa sta per cambiare

I canali Mediaset si preparano a una nuova rivoluzione che deve coinvolgere, in realtà, tutti i canali del digitale terrestre. Ecco cosa succederà e soprattutto come prepararsi per non perdere i vostri programmi preferiti

mediaset digitale terrestre
Mediaset (foto youtube)

La nuova tv digitale sembra non essere più oggetti di cambiamenti fastidiosi per gli utenti finali anche se, purtroppo, rimangono alcune zone in cui il segnale non è stabile e i cui abitanti saranno probabilmente costretti a sfruttare il nuovo bonus da 50 euro previsto per l’acquisto di un sistema di ricezione dotato di parabola.

E anche se le operazioni ufficiali di riassegnazione delle frequenze si sono concluse ormai da oltre un mese e mezzo, le varie emittenti nazionali e locali stanno ora realmente lavorando per riassestarsi e continuare a trasmettere nella banda rimasta a loro disposizione. Nel prossimo futuro i canali del gruppo Mediaset subiranno un altro cambiamento importante. Ecco cosa possiamo aspettarci.

Mediaset verso il vero nuovo digitale terrestre 

mediaset digitale terrestre
Mediaset (foto Unsplash)

Il percorso nazionale verso il nuovo digitale che coinvolgerà tutta Europa porterà tutte le emittenti nel nuovo DVB-T2, un sistema di trasmissione più efficace e che si basa sul codec HEVC, cui le emittenti dovranno adeguarsi. Ma per ora in realtà l’unico passaggio è stato, per alcuni canali, quello dalla codifica Mpeg2 alla più performante Mpeg4. E si trovano in questa condizione, per esempio, tutti i canali Mediaset sulla piattaforma Tivùsat.

Leggi anche: Bolletta luce, la prossima sarà più alta anche per questo motivo

Quello che il gruppo si appresta a fare per adeguarsi è passare all’alta definizione e poi all’Mpeg4 anche sul digitale terrestre in vista poi del cambiamento alla codifica HEVC. Come per altre emittenti, il passaggio sarà graduale e avverrà probabilmente non prima della fine di quest’anno per permettere ai cittadini di cambiare il proprio impianto.

Leggi anche: Con Vodafone puoi prendere questo smartphone a 2 euro al mese

Finora, infatti, le emittenti non hanno provveduto a un passaggio totale alla nuova codifica proprio per non creare problemi agli utenti che non sono ancora riusciti ad adeguarsi ma, vista la tabella di marcia per il 2023, questa situazione cuscinetto non è destinata a rimanere. A partire da gennaio 2023 diventerà infatti attiva la nuova piattaforma europea per il digitale terrestre e anche chi adesso può vedere i canali Mediaset in qualità SD perchè non ha cambiato tv o decoder dovrà necessariamente acquistare un device di nuova generazione.